Il Potentino Pigro di Alessandra Spiniello per Cittadinanza Potentina

0

di ROCCO PESARINI 

Nell”ottica di cittadinanza ed appartenenza che sto cercando di portare avanti con il gruppo facebook Cittadinanza Potentina https://www.facebook.com/groups/352732612051812/, pubblico con grande piacere le considerazioni di Alessandra Spiniello, architetto potentino:

Una persona, della cui stima non so quanto meritatamente godo, mi ha detto: “La pigrizia, un tratto forse appartenente alla potentinità in generale?”. Forse. Ma forse è troppo inclemente ascriverlo alla potentinità in sè. Oppure, al contrario, paradossalmente si dovrebbe ascrivere a tutta la società italiana contemporanea, rispetto a certe tematiche… Ma pigri in che senso? Così scattanti, noi potentini, a metter mano ad una tastiera, che sia di telefono o pc, per rovesciare bulimicamente un mare di considerazioni, suggerimenti, analisi, proposte. Pigri a fare cosa? Ad agire, a prendere in mano una situazione, a dare corso ad una determinazione? A concretizzare una intenzione? Io non mi posso certo considerare l’ago di una bilancia assoluta, ma colgo con estremo piacere l’occasione per dichiarare che conosco di persona, e, ormai non si può prescindere da questo, anche virtualmente, più persone attive, impegnate, interessate, vive, propositive, rispetto a quelle che non posso descrivere con uno qualsiasi dei precedenti aggettivi. Conosco potentini piccoli imprenditori sensibili, disponibili, apertissimi a qualsiasi grado di collaborazione, o come si dice oggi, co-marketing. Ragazzi che stanno “defibrillando il centro” di tutte le età, perché la giovinezza è un fatto mentale, non anagrafico. Conosco artisti visionari, gente che fa navigare le navi sul cemento; gente che fonda scuole, pensate, oggigiorno scuole!

(foto di MIchele di Bello Photagrapher)

Conosco gente che si è immaginata Potenza come città turistica. Potenza! Turistica! E non solo se l’è immaginata, ma ha pure messo su strutture per fare davvero incoming dal basso, con tanto di itinerari, guide e biglietti da comprare on-line! Conosco gente che ha preso la zappa in mano, fisicamente, fuor di metafora, per costruire parchi, giardini, aiuole, piste per bici da cross, piantare alberelli dai nomi simpatici e fiori quì e là. Conosco gente che ha fatto del volontariato la propria ragione di vita; che ha innescato ragionamenti oggi non solo necessari ma addirittura urgenti, sulle maniere per recuperare il senso del Bene Comune; che ha dato il via a processi per l’adozione di uno strumento del quale Potenza è la prima sperimentatrice in Basilicata! Potenza, sì, Potenza. Conosco gente che ha messo su, in maniera del tutto autonoma e gratuita, delle piattaforme che sono dei veri e propri database, talmente accurati da far impallidire Google Maps! Conosco gente che si è attivata per il riconoscimento e la divulgazione dei talenti e del talento, non solo potentino e non solo lucano, tramite studi, apposizione di targhe commemorative, festival e competizioni di varia natura. In sostanza, conosco più persone che per me sono di esempio, se non addirittura di ispirazione o, in qualche meraviglioso caso, hanno assunto per me il ruolo mitico di “Mentore”. In sostanza non lo so se i potentini sono pigri in generale, perché scusatemi ma io non ho il tempo per capire dove stanno questi potentini pigri, io riesco a vedere solo quelli fattivi per il momento.

Con stima. Una potentina che cerca la sua identità.

Alessandra Spiniello

Condividi

Sull' Autore

Rocco Pesarini

Lascia un Commento