MURANO REGALA TRE PUNTI AL POTENZA

0

Giovanni Benedetto

Il Potenza esce dalla doppia trasferta del centro Italia rinfrancato dopo un opaco inizio del girone di ritorno.
Già  nella partita casalinga contro il Rieti la squadra di Raffaele aveva rialzato la testa vincendo ai punti ma pareggiando sul campo.

I progressi registrati dal Potenza li ha confermati anche nella trasferta di domenica scorsa a Viterbo e in quella di oggi a Teramo, sembra proprio che la sconfitta casalinga contro la forte Ternana e i tre risultati deludenti contro le ultime della classifica siano un vago ricordo.

Il protagonista assoluto della doppia vittoria in trasferta è stato Jacopo Murano che con la doppietta siglata a Viterbo e il gol magistrale contro il Teramo si è riscattato da alcune prestazioni opache, confermando tutto il suo potenziale tecnico e offensivo.
Oggi la Reggina ha vinto il derby calabrese contro il Catanzaro e ha raggiunto 66 punti, dieci in più dalla seconda, il Bari, che ha pareggiato 2 a 2 contro la Ternana.
In classifica abbiamo raggiunto il quarto posto, lasciando alle spalle la Ternana quinta, a due punti, e il Catanzaro sesto a 10 punti .
Torniamo al Gaetano Bonolis per raccontare le fasi salienti dell’incontro.
Entrambe le squadre sono scese in campo con l’intenzione di aggiudicarsi la posta piena: il Teramo per scalare posizioni nella griglia dei Play off e il Potenza per mantenersi nel gruppo di testa tra il quinto e il terzo posto.
La partita è stata vivace con molti capovolgimenti di fronte nel primo tempo due occasioni da rete a testa: il Teramo colpisce la traversa con un tiro cross e poi con un diagonale dalla sinistra che attraversa tutto lo specchio della porta con Ioime attento a controllare la traiettoria del pallone che va fuori.
Replica il Potenza, con Silvestri, che ,solo davanti al portiere ,raccoglie di testa un pallone da calcio d’angolo ma lo spedisce fuori lo specchio della porta difesa da Tomei.
Il secondo tempo di nuovo il Teramo si rende pericoloso colpendo la traversa prima, e poi con un pallone insidioso in un’area affollata sul quale Ioime si avventa e con uno scatto prodigioso ci mette una mano per scacciare il pallone già all’altezza della linea di porta.
Al 66′ cambia volto la partita, Dettori subentrato a Golfo, lancia il pallone a Murano, affiancato da un difensore teramano, entra in area, cambia passo e con uno scatto lascia alle spalle il suo angelo custode e trafigge il portiere in uscita col classico cucchiaio.
Un’azione e un gol di alta fattura tecnica.
Pochi giorni, per smaltire e recuperare energie, che già domenica verrà a farci visita il Catanzaro, che nonostante si trovi a dieci punti sotto di noi, rimane sempre una squadra temibile per l’organico di tutto rispetto che ha a disposizione.

 

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Lascia un Commento