GERARDO ACIERNO: PARTIRE

0

gerardo acierno

partire 

                                                     tutti con griffate valigie.
                                            di fuori.
Dentro,
come un tempo,
salsa, ciambotte,
luganega, felpe, diari,
sogni, tristezze, alcune speranze:
a Nord!  a Nord! …
… chi resta
conta i calendari
spulcia festività
usa giorni di congedo
per prendere un treno,
dormire sul bus
e andare incontro
a nebbie padane
indolenze rugantine
ingordigie romagnole
e all’arrivo
tutti a tastare formaggi,
gustare col vino della vigna nostra
la pizzaiola della nonna,
da riscaldare soltanto …
ah … il Sud! il Sud! …
non siamo più i fratelli di Rocco
né basilischi
senzacristi …
siamo cambiati
dicono
ma non sappiamo
ancora chi siamo:
Matera vuole Bari
Potenza sogna il Cilento,
sui monti i cinghiali
sono guardiani ai tralicci,
lo Ionio sgrana le rive,
mosche, chierici e simulacri
nei nostri paesi giocano
a tressette col morto.
Che terra questa terra,
terra d’infinita bellezza,
terra dove la gente parte
per non morire d’amore
e di memoria …
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi