A MARATEA , L U N G O IL S E N T I E R O DEGLI E R E M I

0
Emanuele Labanchi
di Emanuele Labanchi
La Regione Basilicata ha finanziato un progetto proposto dal Centro Educazione Ambientale (CEA) – Legambiente Maratea per un importo di E. 25.000,00 da destinare al ripristino e valorizzazione del viottolo comunale della Marinella, antico collegamento pedonale, oggi noto anche come “Sentiero degli Eremi” Come da Nota illustrativa, si tratta di un tracciato che parte da Piazza Buraglia, nel Centro storico di Maratea, e termina alla Grotta delle Meraviglie con un percorso misto , pavimentato nel tratto iniziale e finale, di grande fascino per lo straordinario panorama offerto.
Il primo tratto, da Piazza Buraglia a Capo Casale, è condiviso con “Il cammino di San Biagio”, noto percorso dal carattere religioso-turistico, mentre il tratto su sentiero, dal Sacrario dei Caduti della prima guerra mondiale, corre tra profumi e colori della macchia mediterranea, con mirto, lentisco, carrubi, lecci tra il cielo e l’intenso blu del mare.
Un tempo la Marinella era la principale via di collegamento tra Maratea paese e la Frazione Marina di Maratea e consentiva ovviamente il transito di animali da soma, ovini, bovini, caprini attraverso un sentiero punteggiato di luoghi di sosta e di preghiera con numerose Chiese e Cappelle (Chiesa dell’Immacolata, Chiesa dell’Annunziata, Chiesa dell’Addolorata, Chiesa Madre, Cappella di San Giovanni, Cappella di San Paolo, Cappella della Madonna della Pietà e Cappella di San Giuseppe). Nei pressi del vallone “Malcanale”; si trova poi la piccola grotta di “Zu’Jancu”, scavata nella roccia, luogo di eremitaggio di San Macario, secondo tradizione, recentemente riconosciuta come tomba romana del IV sec. d.C. (conserva varie tracce di affreschi e incisioni). L’arrivo è alla Grotta delle Meraviglie, unica grotta turistica, geosito carsico di straordinaria bellezza in località San Giuseppe con bellissima vista sull’isola si S. Janni. Il sentiero è lungo circa 3.500 metri, ha 60 metri di dislivello in salita e 290 in discesa e si impiegano circa due ore per percorrerlo in una sola direzione. Attualmente presenta alcune criticità legate al crollo di muretti a secco che delimitano i numerosi terrazzamenti presenti, un tempo utilizzati per la coltivazione dell’ulivo e del carruboe oggi riconquistati in gran parte dalla macchia mediterranea.Il progetto approvato e finanziato si propone di sviluppare una serie di azioni, tra le quali lavori di pulizia, manutenzione e ripristino del sentiero per renderlo più comodo e più sicuro, con previsione di bacheche in legno e pannello informativo nonché di materiale cartaceo illustrativo. I destinatari dell’iniziativa sono i cittadini tutti, i pellegrini e gli escursionisti che potranno percorrere con maggiore sicurezza il sentiero, fruendo anche di ampia informazione lungo un percorso, ben segnalato, con l’intento di far rinascere il dialogo tra il Centro storico, la Cappella della Madonna della Pietà, la Grotta delle Meraviglie e l’isola di S. Janni. Le opere previste nel corrente anno sono in corso di realizzazione. Domenica scorsa, anche quale socio, ho potuto seguire il Presidente del Circolo Legambiente di Maratea, Giuseppe Ricciardi, che con due giovani di Lauria, Simone Propato e Mariano Schettini (Servizio civile -Legambiente Lauria) si è personalmente dedicato, come già in precedente occasione, ad ispezionare il sentiero per effettuare anche piccoli lavori di manutenzione-ripristino, che saranno poi accompagnati da altri prossimi, idonei interventi da parte di competente Ditta prescelta. Si tratta di lodevole iniziativa che sarà opportuno estendere anche ad altri sentieri esistenti sul territorio comunale, allo scopo di manutenerli e valorizzarli come meravigliosi percorsi escursionistici, recuperandone anche la storia, in modo tale da contribuire all’ampliamento dell’offerta turistica nel maggior arco temporale possibile.
Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi