CIFARELLI : UNA LEGGE PER LE BIBLIOTECHE COMUNALI

0

Per il Consigliere regionale del Partito democratico, la Biblioteca Comunale per l’Infanzia del Capoluogo di regione è un presidio culturale che va tutelato . La sua possibile chiusura a seguito del pensionamento dello storico ed encomiabile dott. Mancuso – afferma Cifarelli – rappresenterebbe una sconfitta. Dopo le battaglie e le ferite ancora vive che riguardano la biblioteca Provinciale Tommaso Stigliani di Matera, la Basilicata non può assolutamente permettersi di fare a meno di un luogo di cultura in seno al capoluogo di regione. “Al sonnolento presidente Bardi – osserva Cifarelli – alle prese solo con beghe politiche o a svendere ogni nostro asset economico, occorre far comprendere che la nostra regione ha modo di sopravvivere solo attraverso il bene comune che consiste anche nei presidi culturali. Ed è per questo che come Partito democratico presenteremo, subito dopo l’insediamento del nuovo Consiglio regionale, una proposta di legge che tuteli e promuova la lettura e le biblioteche”. Quando l’intera Basilicata – sottolinea il Consigliere regionale – si è unita al sostegno di Matera Capitale Europea della Cultura ha saputo dimostrare al mondo quanto la cultura sia un volano di sviluppo: valori che il presidente Bardi e la classe dirigente di centrodestra della nostra regione hanno svilito e mortificato. Sulle biblioteche di Basilicata occorrerà sviluppare un approfondito ragionamento – conclude Roberto Cifarelli – che necessariamente dovrà culminare con una legge regionale che dovrà sostenere questi importanti beni comuni e tener conto delle giuste competenze e della complessità delle figure professionali necessarie alla loro gestione.

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi