DE VINCENTI: LO ZES DI TARANTO E’ ANCHE QUELLO DI BASILICATA

0

CON IL DECRETO IN VIA DI EMANAZIONE IL GOVERNO INDIVIDUA I CRITERI CUI LE REGIONI DEBBONO UNIFORMARSI PER SEGNALARE LA ZONA A FISCALITA’ SPECIALE CONNESSA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEI PORTI. L’APPARTENENZA AD UN PORTO COMPORTA PER ORA LA SOLA FISCALITA’ SPECIALE QUANDO LE MERCI VI PASSANO. TOCCA POI ALLE REGIONI PREDISPORRE LA LOGISTICA E TUTTO QUANTO SERVE ALL’UTILIZZAZIONE DELLA VIA DEL MARE PER LE MERCI. DE VINCENTI ESPONE  IL PROPRIO PENSIERO SUL FATTO CHE TARANTO POSSA RAPPRESENTARE L’INTERA BASILICATA.

 

“Il Dpcm che puntualizza i criteri di individuazione delle Zes, le Zone economiche speciali inserite nell’ultimo decreto Mezzogiorno convertito in legge, e’ stato predisposto ed e’ alla firma dei ministri concertanti: Mezzogiorno, Infrastrutture, Sviluppo economico ed Economia e finanze. Dopodiche’ andra’ alla firma del presidente del Consiglio”. Lo ha annunciato a Taranto, in un convegno della Cisl, il ministro per il Mezzogiorno e la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti. “Ora aspetto sulle Zes le proposte delle Regioni, visto che tocca a loro avanzarle” ha aggiunto il ministro, specificando di vedere “una buona opportunita’ nel fatto che la Zes di Taranto, che ha come riferimento questo porto, si allarghi anche alla Basilicata e alle aree di Metaponto e Ferrandina”.  “Se la Zes di Taranto diventa anche quella della Basilicata – ha sottolineato De Vincenti – vuol dire anche che le merci di questa regione utilizzeranno il porto di Taranto per la loro movimentazione”. “Ho visto che si e’ fatta una polemica sul fatto che se si istituisce una Zes interregionale, le risorse devono poi essere divise tra due realta’. E’ una polemica – ha chiarito il ministro – che non ha ragione di esistere perche’ noi nel provvedimento relativo alla Zes abbiamo introdotto solo le risorse relative agli incentivi fiscali. Che sono una parte e che siamo pronti ad aumentare nel momento in cui verificheremo che la misura va e viene utilizzata. Il grosso delle risorse per le Zes sta invece nelle infrastrutture e nella logistica e queste risorse – ha aggiunto De Vincenti – sono gia’ nei Patti per le Regioni oppure nei Contratti istituzionali di sviluppo come nel caso di Taranto. Per il porto, per esempio, le risorse usate per ammodernare il molo polisettoriale sono nel Contratto istituzionale”. Il ministro ha quindi fatto un bilancio positivo della misura del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno inserita nel primo decreto legge Mezzogiorno di fine 2016: “Abbiamo avuto richieste per 1,1 miliardi, il che significa investimenti per 3 miliardi, e nella legge di Bilancio abbiamo aumentato la dotazione sia per il 2018 che per il 2019″. Lo stesso dicasi, ha aggiunto il ministro, per gli sgravi collegati alle assunzioni a tempo  ndeterminato: ci sono stati 82mila nuovi assunti da gennaio ad agosto scorso, “e nella legge di Bilancio abbiamo rieditato la misura, con sgravi al 50 per cento per il territorio nazionale e del 100 per cento per il Sud”.

FONTE AGI

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento