IL DERBY MATERA POTENZA A RISCHIO

0

giovanni benedetto                                   

 

GIOVANNI BENEDETTO

È un derby destinato  forse a non giocarsi, prima per motivi societari, poi per motivi di organico. Fino ad ieri  si ipotizzava di schierare la berretti, Adesso la partita non si dovrebbe giocare per impraticabilità a causa dell’abbondante pioggia che si è abbattuta sulla città dei Sassi nel pomeriggio di ieri e che ha causato l’allagamento degli spogliatoi.

La squadra del Matera per le vicissitudini societarie di quest’ultimo mese, non è ancora organizzata per affrontare un incontro ufficiale, e ha colto l’occasione dell’allagamento come un buon motivo per spostare l’incontro ad altra data, infatti,  non ha perso tempo a chiedere al comune l’indisponibilita’ della struttura che puntualmente l’assessorato del settore ha concesso, ora si aspetta il parere della protezione civile per spedire la pratica in lega.

Il Potenza aspetta che si pronunci la lega  ma sa pure che per rinviare una partita di coppa, necessitano degli impedimenti oggettivi che non permettano soluzioni alternative .Al momento sembra che a quarantotto ore dalla partita ci sia tutto il tempo o per giocare allo stadio xx settembre o per trovare un campo neutro.

Ne sapremo di più nella mattinata di oggi quando la lega pro avrà le idee più chiare dopo l’esame della motivazione della richiesta di rinvio che presenterà in mattinata la società biancoceleste.

Intanto il Potenza continua ad allenarsi e i soli  Djordevic e Giosa sono sottoposti ad esercizi personalizzati.,

Nel corso dell’allenamento una rappresentanza dei tifosi della curva ha chiesto di essere ricevuto a centrocampo da Ragno insieme a tutta la squadra, per conoscere e chiedere alla squadra il massimo impegno a difendere la maglia in questa stagione che sta per iniziare, a partire già da domenica prossima contro il Matera.

Nel caso un cui ci fosse per domenica un rinvio, Ragno già pensa , contro chi far giocare la squadra: è probabile un altro incontro amichevole, dal momento che solo pochi elementi hanno raggiunto l’autonomia dei 90 minuti nelle gambe altri sono al di sotto dei 70 minuti e fermarsi non è certamente la migliore soluzione.

Sul fronte calcio mercato, Caiata è sempre attivo ed insieme a Ragno hanno individuato alcuni ruoli da coprire, si tratta, oltre al portiere, di un esterno destro con vocazioni difensive, e un centravanti di provata qualità ed esperienza che possa impensierire le difese avversarie.

Con gli eventuali tre arrivi la squadra è formata al 100% e bisogna lavorare per trovare l’amalgama giusta tra i giovani, gli over che non hanno mai giocato in C e gli esperti provenienti dalle altre squadre di lega pro.

Poi sarà il campionato a misurare con precisione la forza della squadra visto che è una formazione inedita e solo il confronto potrà accertarne il valore-

In città cresce la fiducia intorno alla squadra e al progetto Caiata che vuole già da quest’anno competere per i play off; gli abbonamenti già staccati hanno superato quota mille, buona cifra se consideriamo che oggi è stato il primo giorno per acquistare l’abbonamento, gli abbonamenti venduti nei primi tre gioni erano riservati agli abbonati dell’anno scorso, gli ottocento abbonati dello scorso anno hanno rinnovato la fiducia a Caiata e tutta la società, adesso lo stesso Presidente, si aspetta dai tifosi un passo in più per toccare quota 2000.

Forse aggiungendo quest’ultimo record nella gestione Caiata si potrebbe anche pensare concretamente di trovare un buon calciatore da affiancare a Franca e Genchi.

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way
dell’ esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata.
Per vent’anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi.
Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata.
Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho
lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi
e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90,
attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Ho scritto articoli diffusi dai quotidiani la nuova e il quotidiano, inerenti la storia della
ricezione dei segnali televisivi in Basilicata dal 1954 ad oggi e la storia
della sede Rai di Basilicata nata nel 1959.
Collaboro col periodico di attualità e cultura, ” il messo” con sede redazionale ad Albano di Lucania e diretto da Gianni Molinari
Scrivo sul periodico ” Armonia” edito dall’associazione Rai Senior, un bimestrale nazionale destinato a tutti i dipendenti della Rai.


Lascia un Commento