IL GRANDE TALENTO DI ANTONIO ANDRISANI

0

 a cura di Antonietta Lisco

 

Antonio Andrisani nasce a Matera. Dopo gli studi classici effettuati a Matera si diploma come graphic designer a Roma. Nel corso degli anni ’80, ha un’esperienza televisiva in due programmi satirici con l’emittente televisiva TRM di Matera. A partire dai primi anni del 2000 comincia un percorso di scrittura di soggetti e sceneggiature cinematografiche. È direttore artistico di Action, concorso di cortometraggi sui temi del lavoro della  CGIL di Matera. Alla sua attività cinematografica si abbina la  produzione satirica con la quale indaga e dissacra le vicende politiche e culturali del proprio territorio. Se Matera avesse il mareL’ispettore si fermò a mangiare, tra i tanti video che sono diventati dei “cult” per la Basilicata.  Attore, sceneggiatore e regista italiano, scrive interpreta e prende parte a diverse opere. Più conosciuti tra le sue interpretazioni nel film di Papaleo, Basilicata coast to coast.

 

 

Con un cortometraggio, sceneggiatore e protagonista, Stand by me, vince il Nastro d’Argento.

Nel 2014 Sassiwood, cortometraggio da lui scritto e diretto ed interpretato da Sergio Rubini, vince il Globo d’Oro.

  

Poi, ” Tutto finisce in un libro”, nel quale racconta, con la sua vena caustica ed ironica la descrizione del nostro Paese attraverso una continua serie di riferimenti al cinema, alla letteratura e alla musica. Da Kubrick a Pasolini, da Bulgakov a Chiara. Andrisani ci racconta la sua dissacrante ma mai priva di speranza visione del mondo e forse della sua stessa vita.
Nel 2016 scrive, dirige e interpreta il lungometraggio, Il Vangelo secondo Mattei, con Pascal Zullino, Flavio Bucci, Andrea Osvart, Mimmo Calopresti, Federica Modugno.
         
Trama:
Un regista cinico e poco talentuoso fa ritorno al suo paese d’origine, è in cerca di facile visibilità, e cerca di realizzare un film inchiesta. Il suo progetto dal titolo “Il Vangelo secondo Mattei” si ispira al capolavoro cinematografico di Pier Paolo Pasolini del 1964 che proprio nella città di Matera fu prevalentemente girato. Per il ruolo di protagonista del suo docu-film sceglie Franco Gravela, un anziano signore che da ragazzino aveva partecipato come comparsa al film di Pasolini e che ha sempre sognato di fare l’attore. In una storia rocambolesca nella quale tutti cercano una forma di riscatto.Scopriremo che la figura del Poeta friulano è più vicina alla Lucania per l’incompiuto romanzo “Petrolio” che per le riprese de Il Vangelo secondo Matteo.
 La prima del film andrà in onda il 26 ottobre a Matera, con la presenza di tutti i protagonisti della pellicola.

 

Share.

Sull'Autore

Antonietta Lisco

Antonietta Lisco, assistente domiciliare e ospedaliera. Ama l’arte, la scrittura, la moda e gli arredi. Quando può pratica yoga, il suo piacere per il corpo. Ascolta musica, ama il cinema. Scrive. Sua passione da sempre. Ha scritto un romanzo e…chissà.


Lascia un Commento