IL PICERNO FA IL ” COLPACCIO” AD ANDRIA

0

ROCCO SABATELLA

Pirotecnica vittoria del Picerno sul campo dell’Andria. Continua il momento magico dei lucani sotto la gestione di Colucci. Sette punti in tre gare che consentono a Pitarresi e compagni di fare un grande passo in avanti in classifica e di entrare nella zona play off.  Che ovviamente non è l’obiettivo del Picerno che deve solo pensare a fare punti ogni domenica per rimanere in serie C. E i tre punti conquistati contro la Fidelis Andria valgono doppio perché si è trattato di un vero e proprio scontro diretto per la permanenza. Che ha avuto i suoi momenti decisivi nei minuti finali dei due tempi. Il primo favorevole alla Fidelis Andria e il finale di ripresa tutto per il Picerno che ha prima pareggiato e poi ribaltato il risultato. Tre novità nel Picerno nella formazione iniziale rispetto ad una settimana fa: dentro Vanacore per l’infortunato Finizio, Guerra  e D’Angelo. Il modulo 4/4/2 rimane invariato ma in mezzo al campo c’è più sostanza nel gioco di interdizione con l’inserimento di D’Angelo sulla sinistra. L’approccio dei ragazzi di Colucci è molto buono visto che il Picerno non si limita solo a frenare i pugliesi ma è molto propositivo e crea pericolose azioni da gol con De Cristofaro e Gerardi, ispirati da un lucido Dettori, che mettonMa anche la squadra dell’ex ha le sue opportunità con l’o i brividi alla difesa della Fidelis. Ma anche la squadra dell’ex Ginestra ha le sue opportunità con il centrocampista, ex Perugia Di noia che impegna severamente il portiere del Picerno Viscovo che se la cava alla grande. All’improvviso, minuto 42, arriva il vantaggio ospite con D’Angelo che all’altezza del dischetto batte con facilità Vandelli. Ma stranamente la concentrazione del Picerno cala di intensità e la Fidelis in due minuti capovolge la partita. Prima con un colpo di testa di Venturini che non lascia scampo a Viscovo e poi con Casoli che, servito da Bubas coglie l’angolino per l’insperato vantaggio. Nello spogliatoio Colucci si fa sentire e gli effetti si vedono subito ad inizio ripresa con il Picerno che si riversa nella metà campo pugliese per riequilibrare la gara. Dettori costruisce il gioco e si incarica anche di andare a concludere con un paio di punizioni, la prima parata con difficoltà dal portiere andriese e l’altra che sfiora l’incrocio. Ma anche Gerardi, De Cristofaro e D’Angelo vanno al tiro con poca fortuna, Colucci azzecca la mossa con l’ingresso di Esposito che un paio di minuti dopo la mezzora si fa trovare al posto giusto nel momento giusto sul cross di Garcia. Un gioco da ragazzi battere Vandelli. Il Picerno insiste e crede nel successo anche in considerazione del fatto che si accorge cxhe l’Andria non ha più energie per andare avanti. Continui attacchi che non hanno esito. Quando ormai il pareggio sembra inevitabile, all’ultimo attacco Esposito in area è atterrato dal portiere di casa Vandelli. E’ rigore che dopo un paio di minuti di proteste della Fidelis, Pitarresi trasforma con un tiro all’incrocio. Esplode la gioia in campo e anche sugli spalti per questo successo che non pareva più possibile. Ma il Picerno ci ha creduto fino in fondo ed è stato premiato. Segnali inequivocabili anche dell’ottimo lavoro che sta facendo Colucci che sta utilizzando al meglio il suo gruppo che gli fornisce le risposte giuste. Esponenziali anche i progressi dei giovani che quando vengono chiamati in causa rispondono sempre al meglio.  Classifica ottima, benefici economici dalla presenza in campo di tre under e continuità di risultati. Bisogna continuare su questa strada e fare punti tutte le domeniche perché la strada da percorrere per arrivare alla salvezza è ancora lunga e tortuosa. Non sono ammesse distrazioni che potrebbero rilevarsi letali. E sabato prossimo opportunità di allungare ricevendo al Curcio la Paganese. 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Rispondi