“ La rigenerazione Urbana tra PNRR e Laboratori artigianali”

0

Il prossimo 9 aprile alle ore 10,00 presso il Centro Polivalente di Ruvo del Monte , organizzato dalla Pro Loco e dall’Amministrazione Comunale  focus dal titolo “ La Rigenerazione Urbana tra PNRR e Laboratori artigianali”. Oltre ai saluti del sindaco di Ruvo Michele Metallo relatori Mauro Armando Tita sociologo impegnato per anni in Regione Basilicata dove si è occupato di formazione; Luigi Magno già responsabile ARSA ( Azienda Regionale Sviluppo Artigianato;  Giovanni Marino vice sindaco del Comune di Ruvo, Gerardo Ferretti Sindaco di Pignola; Giancarlo Vainieri Direttore CSSEL ( Centro Studi Sociali ed Economici del Lavoro); Antonio Cecere direttore del Notiziario Ruvese. L’aspetto interessante del Focus è quello di legare la rigenerazione urbana al recupero di attività artigianali ai fini occupazionali.  Il recupero delle attività artigianali, della quale Ruvo del Monte è stata ricca e delle quali oggi resta poco, è nel contempo recupero della propria identità culturale e del senso di appartenenza ad una comunità. In un mondo globalizzato dominato dal mercato oligopolista, dove la produzione di beni e servizi è fortemente standardizzato facendo rientrare tra questi la produzione culturale, il recupero della propria identità trasformandola  in bene vendibili sul mercato , nello specifico  prodotti  dell’artigianato, è il vero valore aggiunto che può fare da leva per lo sviluppo dell’area. La presenza del Sindaco di Pignola Ferretti, sta a significare che l’idea progettuale vuole andare ben al di là dell’area  rappresentata da Ruvo e dai comuni limitrofi.  L’idea del recupero è strettamente legata all’idea dello sviluppo sostenibile e quindi della compatibilità ambientale per cui il progetto è in linea con gli indirizzi fissati dal PNRR. Tra i relatori interessante è la presenza del dott. Armando Tita e del Luigi Magno. Tita si è  occupato di artigianato da funzionario regionale ed è stato uno dei protagonisti del “ Progetto Artigianato Basilicata del 1989/91.  L’altro relatore il dott . Magno   è stato responsabile dell’A.R.S.A. per cui il progetto che verrà presentato il prossimo 9 aprile a Ruvo prende spunto da quella che è stata una stagione positiva per l’artigianato lucano come si può evincere dal volume curato dallo stesso Tita con l’introduzione del prof. Roberto Linzalone dal titolo “ Quando l’Artigianato Lucano garantiva PIL  e occupazione “ Edito da Il Segno. Il “Progetto artigianato della Regione Basilicata 1989/91” è entrato a far parte tre le “Buone pratiche” della Banca dati STAIRS della Camera dei Deputati.  Visti i presupposti non è da escludere  che il rilancio dell’artigianato in Basilicata possa proprio partire da progetti come quello presentato a Ruvo del Monte. Perché ciò possa verificarsi il primo passa è l’adeguamento normativo in materia da parte di Regione Basilicata. Ad oggi, a distanza di qualche anno, la legge regionale sull’artigianato giace impolverata in qualche cassetto invece come sarebbe auspicabile di dar corso all’applicazione.

 

Condividi

Sull' Autore

Gerardo Lisco

Capo Unità Org.Amm. presso Ferrovie Appulo Lucane Ha studiato Giurisprudenza presso Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e Sociologia presso l'Università di Salerno

Rispondi