LA SAURINA, UNA TRASVERSALE INTERNA STRATEGICA E SFORTUNATA

0

 

ING. ROCCO D’AMATO

 

 

 

 

La strada, conosciuta come Fondovalle del Sauro o Saurina, è in effetti la trasversale interna Agri –  Basento che aprirebbe al traffico una vasta zona della Basilicata interna, servita a partire dagli anni ’20 dalla SS 92.

Periodo 1968/1992

La prima programmazione risale al 1968, e prevedeva un itinerario dall’Agri (Caprarico) lungo il Sauro fino a Corleto, e da qui fino alla Basentana (Albano Scalo) costeggiando la diga del Camastra.

Ente attuatore era l’ente Irrigazione di Puglia e Basilicata, Infatti all’epoca, in mancanza di altre fonti, molte strade venivano finanziate come opere complementari alle grandi opere irrigue.

Il tratto da Caprarico a Corleto venne realizzato in breve tempo, e nei primi anni ’70 era già fruibile.

Per il tratto successivo, il progetto esecutivo pronto per l’appalto, sempre negli anni ’70, venne bloccato da una norma che imponeva che a realizzare le strade fossero Enti che avessero la facoltà della manutenzione successiva, Il progetto quindi venne trasferito all’ANAS.

L’ANAS stessa espletò un appalto concorso che venne aggiudicato nei primi anni ’80; come all’epoca succedeva quasi sempre, la cifra iniziale per i lavori era fortemente sottostimata, ed all’epoca l’inflazione galoppante aggiungeva ulteriori difficoltà.

Dopo l’inizio dei lavori e la esecuzione di un tracciato di alcuni chilometri sotto Corleto, con opere d’arte muri e ponti, era necessario prevedere una variante con nuovi fondi molto superiori al previsto.

Proprio in quel periodo, all’inizio degli anni ’90, le vicende di Tangentopoli, bloccarono la possibilità di varianti molto superiori rispetto alla cifra iniziale.

I lavori vennero quindi prima sospesi e poi abbandonati, e le opere eseguite sono ancora lì, testimoni mute di promesse disattese da troppo tempo.

Periodo 1993 – 2020

La nuova trasversale Agri Sauro

A partire dal 1992 una nuova strada comincia a vedere la luce. E’ la trasversale Agri – Sauro, che dalla zona PIP di fondovalle di Santa Maria del Sauro (Guardia Perticara) conduce alla zona PIP di Armento (Fondovalle Agri presso il bivio per San Martino d’Agri.

Il primo lotto venne realizzato quale Ente Attuatore dal Comune di Armento, e comprendeva il tratto dal Sauro al passo dell’Intagliata. Il secondo Lotto (La galleria dell’Intagliata) ebbe come Ente attuatore   l’Amministrazione Provinciale di Potenza, e venne eseguito fra il 1998 ed il 2001.

Il tratto fra la Galleria e l’esistente strada comunale Fondovalle Fiumarella di Armento ebbe via libera solo nel 2010, e venne completato nel 2011.  Da alcuni anni sono stati completati anche i lavori di adeguamento della strada comunale Fiumarella, effettuati dalla Amministrazione Provinciale di Potenza che ha preso in carico il tronco stradale.

Ad oggi questa nuova trasversale, che taglia molto più decisamente in senso ortogonale il territorio rispetto al tratto di Saurina esistente, è completa.

La trasversale Agri – Basento

Il tratto Basentana – Bivio Calvello, strada provinciale del Camastra, è stato ed è interessato da lavori importanti di adeguamento eseguiti dalla Amministrazione Provinciale di Potenza, che volgono a conclusione. Resta escluso un breve tratto fino al bivio Calvello.

Il tratto Corleto – S.P. Camastra ha conosciuto altri tempi tormentati, ed il tracciato (SS 92) è rimasto lo stesso di un secolo fa, quando la strada venne realizzata con i fondi della Legge Zanardelli.

In particolare, in relazione all’accordo Stato – Regione conseguente allo sfruttamento della risorsa petrolifera della valle dell’Agri, venivano riconosciute strategiche tre opere, (con impegno del Governo ad eseguirle attraverso le Amministrazioni competenti)  

  • il completamento della Tito Brienza (by pass di Brienza attualmente in esecuzione),
  • la strada Saurina nel tratto Corleto – S.P. Camastra
  • l’aviopista di Grumento (eseguita)

Tale accordo datato 07 Ottobre 1998. Faceva seguito ad una audizione del territorio del 19 Luglio 1998, nel corso della quale veniva esposto uno schizzo di cartografia sommario della trasversale Agri Sauro redatto dallo scrivente, con possibilità di estensione fino alla Sinnica presso Lauria.

Tutto sembrava andare a posto, anche perché è vero che l’accordo era relativo alla val d’Agri, ma già si prospettava lo sfruttamento della risorsa petrolifera del Sauro. 

Ed invece dopo poco tempo ecco la sorpresa. Veniva proposta l’autostrada Lauria – Candela, con tracciato nel tratto Basentana – Sinnica sorprendentemente ricalcante il tracciato della strada “normale” prima esposta, con la proposta di utilizzare i fondi della Saurina come quota di sponda della Regione Basilicata.

Ogni persona dotata di sano buon senso percepiva l’opera come una assurdità nel rapporto costi – benefici, ma tant’è. Con gran clamore mediatico si susseguirono progetto preliminare, dimostrazioni sul territorio, e qualcuno avanzò anche l’ipotesi di demolire la nel frattempo realizzata Galleria dell’Intagliata “perché inadatta allo standard autostradale”.

Non solo la proposta autostradale non è mai realmente partita, ma nel frattempo il finanziamento inizialmente previsto per la Saurina si è prima eroso (sempre sulla carta) per poi svanire del tutto.

Un ultimo tentativo è stato compiuto nel 2011 (quando dei previsti 300 mld. Iniziali pari a circa 155 mln. di euro erano rimasti disponibili sulla carta circa 80 milioni) per tentare almeno di realizzare un tratto dell’opera (conferenza Regione – ANAS – Comune di Corleto P. del 29.03.2011).

Tentativo rimasto senza esito perché all’ANAS mancavano i fondi necessari per la progettazione.

Uno sgradito effetto secondario è stato anche il ritardo di finanziamento ed esecuzione del ponte di   collegamento Galleria Intagliata – Fondovalle Fiumarella di Armento.   Dal Marzo 2001 all’Agosto 2011, per evitare le montagne, audaci automobilisti dopo la galleria hanno percorso piste di fortuna nel letto del fiume.

La situazione odierna – Prospettive

Negli ultimi anni la questione è stata colpevolmente dimenticata. La realizzazione del Centro Oli di Tempa Rossa e la sua recentissima entrata in funzione, anche se ancora a basso regime, impongono tuttavia alcune considerazioni:

  • Alla carenza di viabilità della popolazione direttamente ed indirettamente interessata, si somma la carenza di viabilità per collegare un’opera industriale di importanza strategica.
  • Il P.I.L. previsto centro oli in 25 anni a 50.000 barili giorno (valore del greggio estratto) ai prezzi correnti è pari a circa 17,3 miliardi di euro.
  • L’introito fiscale dello stato sui prodotti finiti (IVA ed accise, pari a circa il doppio del prezzo del greggio) e quindi a circa 34,6 miliardi di euro.
  • Il costo per completare la trasversale Basento – Agri (impropriamente conosciuta come Saurina) ivi comprese opere secondarie lungo i tratti già esistenti può essere quantificato in circa 0,225 miliardi di euro, pari a circa l’1,3 % del P.I.L. previsto per i Centro Oli ed a circa lo 0,65% del previsto introito fiscale a beneficio dello stato
  • Le prospettive di spesa per progetti strategici per il Sud con il Recovery Found per i prossimi anni consentono di pensare realisticamente a poter realizzare l’opera,

E’ quindi adesso un momento decisivo nel quale bisogna riunire le forze per dare ad una vasta area della Basilicata interna uno strumento fondamentale per uno sviluppo duraturo e possibile, e la richiesta ha le connotazioni di un diritto e non di una benevolenza.

( IN COPERTINA, LAVORI SULLA SP 32 CHE AVREBBE DOVUTO CONTINUARE PER LAUREANZANA- CORLETO E CONGIUNGERSI AL TRATTO GIA’ REALIZZATO DELLA SAURINA)

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento