LA TORRE GUEVARA DA’ UNA PROSPETTIVA AL CENTRO STORICO

0

Dobbiamo prendere l’iniziativa della Provincia di Potenza, ottimamente guidata dal Presidente Guarino, come un segnale di ripresa del dialogo su come rilanciare il centro storico del capoluogo. Una ripresa promessa dall’attuale Amministrazione comunale ma di cui sinora non si è visto traccia. Un monumento aperto ai visitatori con un belvedere sulla parte nord est della città, non ha senso in un quartiere che si va spegnendo. Da qui la necessità come suggerisce il titolo, di dare una prospettiva nuova al centro storico, non solo dal punto di vista architettonico-urbanistico ma sopratutto da quello del rilancio sociale ed economico. E’ giunto il momento di decidere su che cosa fare per riportare in vita questo cuore ammalato della città capoluogo. Ed è giunto il momento che il governo municipale dia su questo problema un segnale preciso su che cosa intende fare, come e in che tempi. Magari allargando il dibattito a Provincia e Regione, a dimostrazione che il capoluogo amministrativo e politico di una regione è una realtà da preservare nelle sue funzioni e da consolidare dal punto di vista dell’attrattività e della qualità di vita.

A presentare il progetto voluto e realizzato dall’Ente, con il previsto abbattimento dell’ex edificio della Ragioneria e la connessione della Torre con il centro urbano, è il Dirigente dell’Ufficio L’ingegnere Enrico Spera.
“Durante la redazione del progetto ci si è posto l’obiettivo di riqualificare l’area mediante un insieme sistematico d’interventi, fra i quali vi è quello relativo alla demolizione dell’edificio scolastico dismesso, che oggi nasconde completamente la Torre e occupa gran parte dell’area antistante”.

L’EX ISTITUTO DA VINCI, DESTINATO ALL’ABBATTIMENTO


Con l’intento di contribuire al recupero della memoria storica del castello e alla conoscenza delle sue successive trasformazioni, si è pensato che l’area complessiva (quale risultante anche dall’abbattimento) sia pavimentata nella sola porzione occupata dal complesso monumentale non più esistente, facendo in modo che vi si ‘leggano’ distintamente i diversi ingombri delle descritte porzioni preesistenti, trasformando il resto del suolo in tessuto erboso.
Provvedendo a tale modalità di pavimentazione, l’area sarà così luogo d’incontro e anche di racconto, racchiuso da un ampio spazio verde piantumato ai bordi (perché sia attenuata l’invadenza degli edifici adiacenti), attraversato da percorsi e attrezzato per la sosta e l’aggregazione.
Il monumento tornerà ad essere quindi ‘attrattivo’ e offrirà la possibilità di conoscere la storia di un frammento della città estremamente significativo.
Guardando la torre pervenendo dalla via Pretoria, lungo il lato destro, una struttura polifunzionale, studiata per l’inserimento mimetico nel contesto, assolverà le funzioni connesse alla fruizione del monumento e all’organizzazione  di attività nell’area.

In luogo dell’edificio da demolire, infatti, il progetto prevede la costruzione di un edificio di contenuta consistenza, da realizzarsi con pannellature X-LAM di legno massiccio a strati incrociati, che assicurano un comportamento strutturale monolitico, estremamente resistente alle azioni verticali e orizzontali.

 

SCHEDA

La Torre Guevara è un antico monumento costruito nel secolo X-IX d.C., facente parte del castello cittadino (non più esistente), situata nella parte est del centro storico della città di Potenza. La torre aveva una precisa ed autonoma funzione di vedetta e fu probabilmente costruita precedentemente al castello, che sarebbe sorto soltanto dopo.

La storia del castello di Potenza è incerta, poiché anche nell’Istoria della Città di Potenza (1673) compilata da Giuseppe Rendina, cui fanno riferimento i maggiori storici della città, mancano informazioni precise circa le sue origini. Forse l’edificio venne costruito sui resti di un’altra struttura fortificata, forse una struttura di detenzione. Di sicuro l’edificio è precedente all’anno mille, quindi di origine longobarda. Presentava in origine un impianto costituito da una torre cilindrica collegata ad un breve recinto murario. La torre potrebbe risalire al IX sec. in concomitanza con la ristrutturazione della cinta urbana, è formata da tre piani che raggiungono l’altezza di venti metri. Ha un diametro interno di 7 metri e un diametro esterno di 10. Inoltre presenta 86 scalini e 7 finestre.
La torre, posta all’estremità est del centro storico, ebbe nel corso del Medioevo grande importanza per la difesa dalle scorribande dei barbari e per il controllo della sottesa ansa fluviale del Basento dalla sorgente alla stretta di Albano. Data la sua importanza strategica, inoltre si suppone che la torre in origine fosse ben più elevata; il Riviello, infatti, narra dell’antico castello con la sua altissima merlata ed inaccessibile torre fatta logora e screpolata dal lavorio dei secoli e dalla forza dei terremoti.
La storia del castello comunque è legata a quella delle casate che ebbero in feudo la città. Nel 1268, dopo la vittoria di Carlo I d’Angiò su Corradino di Svevia, la città, fedele a quest’ultimo, fu quasi distrutta ed il Castello, occupato dagli Angioini, fu tolto ai Conti e affidato ad un Regio Castellano.

Durante il Medioevo la torre aveva la funzione di torre di avvistamento, o maschio, adibita alla funzione di avvistare i nemici grazie alla propria altezza e alla sua posizione strategica.

Con la fine del regno angioino e l’arrivo degli Aragonesi, il re Alfonso concesse la città, divenuta contea, al fido Don Indico de Guevara. Tra i tanti padroni avvicendatisi alla guida della contea, i Guevara lasciarono segni tangibili della loro presenza mostrandosi partecipi alle vicende socio-politiche della città. Nel 1445 Indico de Guevara diede inizio ai lavori di ristrutturazione della cinta muraria di origine normanno-sveva, in parte distrutta e ricostruita già in età angioina; essa fu fortificata e dotata di numerose porte di accesso nonché di torri di avvistamento e di difesa. Dovrebbero infatti risalire a questo periodo la Porta de la Mendola, citata per la prima volta nel 1481, Porta San Luca e Portasalza. Quest’ultima, posta sul lato ovest del centro antico, si presentava come una struttura fortificata la cui mole faceva da contrappunto a quella della torre. Altre opere riconducibili ai Guevara sono la ristrutturazione del palazzo del Seggio, la ricostruzione del chiostro duecentesco di San Francesco nonché del convento e della chiesa di Santa Maria del Sepolcro, luogo di culto prediletto e cimi

tero dei conti. Inoltre verso la fine del Quattrocento terminato il nuovo palazzo comitale, commissionato dai Guevara stessi, il castello perderà l’originaria funzione di residenza e verrà abbandonato. In seguito e fino al 1612, questa costruzione, non più curata, servì ad un ordine di Frati Cappuccini per ospizio. Quando poi Don Alfonso de Guevara, sesto conte di Potenza, diede in sposa sua figlia Beatrice a Enrico di Loffredo, la città, che costituiva la dote nuziale, passò ai Loffredo.

Nel 1621 Beatrice de Guevara donò l’antico castello ai Frati Cappuccini di San Carlo ad eccezione della torre, che i conti vollero tenere per sé. Più tardi, nel 1626, il conte Carlo di Loffredo, figlio di Beatrice, lasciò ai frati una somma considerevole a condizione che nel castello fondassero una chiesa ed un monastero. Soltanto nel 1810 il castello fu tolto ai religiosi e adibito a sede dell’Ospedale San Carlo, con Decreto del re di Napoli Gioacchino Murat.
Il castello, ormai divenuto ospedale, subì varie ristrutturazioni e nel 1927 fu aggiunto un vasto fabbricato che si affacciava sull’attuale piazza Bonaventura. Dopo l’ultimo conflitto mondiale il castello fu demolito e oggi, unica testimone di secoli di storia, resta soltanto l’antica Torre.

Nel 1980 la torre resistette solidamente al rovinoso terremoto dell’Irpinia. Essa subì ugualmente vari restauri. Attualmente è la sede dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provincia di Potenza. L’Ordine esternamente ha realizzato un giardino pubblico, denominato “Il Giardino dell’Agronomo – Gioacchino Viaggiani” in memoria del primo iscritto nella Provincia di Potenza mentre all’interno c’è un museo permanente a lui dedicato. La segreteria dell’Ordine della Provincia di Potenza si occuperà della gestione sia del giardino esterno, sia del suddetto museo, interno alla Torre.

La torre è un edificio molto spoglio a causa del logorio dei secoli, costruito mediante l’utilizzo di alcune particolari pietre che si trovano sul letto del fiume Basento. Infatti analizzando queste pietre con quelle della torre si è potuta osservare l’uguaglianza fra le due. Molte strutture medievali dello stesso periodo presentano la medesima pietra.

L’edificio è rimasto sostanzialmente intatto fino al giorno d’oggi, resistendo anche a terremoti molto forti, come quello del 1980, ed è oggi utilizzata come galleria d’arte e struttura a uso culturale.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi