MENTRE I CALCIATORI TORNANO A CASA CAIATA SCENDE IN CAMPO

0

Giovanni Benedetto

Finito il campionato e vinta la lotta per la salvezza, è  iniziata la partita societaria.
Il Presidente Caiata già da metà campionato, nelle sue settimanali interviste, ha manifestato l’intenzione di lasciare la società in altre mani al termine del girone di ritorno.
Al tempo stesso ha mantenuto la promessa che avrebbe fatto il possibile per salvare il campionato.
Tutta la città e, in primis, la tifoseria, hanno apprezzato l’impegno profuso per salvare la squadra, precipitata agli inizi di febbraio in un mare tempestoso.
Allo stesso tempo i potentini sperano  che Caiata non insista nelle sue intenzioni di abbandonare la nave  da lui  condotta in porta con grandi sacrifici.
Il Presidente ha più volte dichiarato che la sua presenza al comando della società ha senso se ci sono gli spazi per fare programmi di una certa dimensione economica per raggiungere traguardi importanti dal punto di vista calcistico.
Oggettivamente la maggiore disponibilità o il miglioramento delle infrastrutture sportive esistenti non hanno seguito di pari passo i successi e le nuove esigenze sopraggiunte di una squadra professionistica.
È accaduto nel primo triennio, è continuato quest’anno conquistando una salvezza che ha la stessa importanza della vittoria in  un campionato.
Un’annata difficile perché i tre posti per la retrocessione si sono giocati non tra 20 squadre del girone ma solo tra 9 o  10, perché  l’altra metà aveva una marcia in più come blasone, investimenti e qualità espressa in campionato.
Caiata, dal canto suo, anche in un periodo economicamente di forte depressione e senza la presenza del pubblico allo stadio, ha portato avanti un campionato dignitoso , intervenendo prontamente e senza sbagliare quando si è  reso necessario, a far data dagliinizi di febbraio, quando il Potenza con 17 punti era penultimo in classifica, ad un punto della Cavese.
Un ‘annata  inquieta sotto il profilo dei risultati e delle prestazioni, alternata a vittorie in trasferta impensabili: Turris, Monopoli, Teramo e Bari  per citare le squadre che al momento sulla carta erano favoritissime.
In un campionato, bisogna dirlo,  in cui i tifosi lontani dagli spalti sono sempre stati sempre e comunque vicini alla squadra del Potenza: mai una critica mai una polemica nei confronti della conduzione  societaria.
A campionato terminato, mentre i calciatori hanno già fatto le valigie per rientrare nelle proprie sedi, società e tifosi sono impegnati nella partita più importante per il prosieguo del calcio potentino tra i professionisti.
In società si lavora per gettare le basi sul futuro e i tifosi vigilano i movimenti e le proposte delle cordate interessate.

In queste settimane se non si chiude subito potremmo rivedere davanti la sede sociale del Potenza lo stesso via vai dello scorso anno.
Stando alle ultimissime notizie e’ giunta via pec,  ieri sera dalla società Sbm o gruppo Lauro un interesse a rilevare il Potenza.
Si tratta di una proposta d’acquisto non chiusa ma con clausole e probabilmente pagamenti dilazionati al punto da non dare certezze immediate ad entrambe le parti per una immediata programmazione.
Caiata d’altro canto non aspetta passivamente il vento proveniente da nord ma preferisce provare anche il vento di scirocco  tutto nostrano.
Infatti la sua credibilità, il suo carisma e affidabilità hanno attratto la fiducia di un gruppo di imprenditori locali pronti a dargli un forte sostegno per continuare l’ avventura della  sua creatura partorita quattro anni fa.
Caiata potrà fare delle valutazioni forte del fatto che non si tratta del prendere o lasciare perché ha altre soluzioni in tasca.
E poi puo’ contare sul socio maggioritario quello che mai lo tradirà:  la tifoseria, un coro di consensi che trascina e coinvolge anche i cittadini che non indossano la maglia rossoblù.

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Rispondi