PICERNO FORTUNATO SUPERA IL SORRENTO

0

ROCCO SABATELLA

Ancora una volta è Murano che regala tre punti d’oro al Picerno con la sua diciassettesima marcatura confermandosi come il cannoniere principe di tutti e tre i gironi della serie C. E permette alla sua squadra di diventare la prima inseguitrice della capolista Juve Stabia. Gol lampo quello del bomber potentino che di testa sfrutta un traversone di Esposito e batte il portiere del Sorrento. Ma gravi sono le responsabilità della difesa dei campani, in particolare Todisco e Blondett. Il primo si perde prima il capitano del Picerno e lo lascia crossare comodamente e il secondo non marca a dovere Murano. Il Sorrento accusa il colpo e non reagisce subito perché ancora Murano effettua un tiro dal limite che trova il portiere sorrentino Del Sorbo alla respinta difficoltosa. Finalmente la squadra di Maiuri, entrata in campo un po’ contratta, si libera dalle preoccupazioni e comincia a macinare gioco e a produrre azioni offensive in serie. De Francesco, Cuccurullo e Riccardi dominano in mezzo al campo e innescano sulla corsia sinistra Loreto e Kolay che creano più di qualche problema a Pagliai poco assistito  da Petito, ex della gara. E cominciano a fioccare le occasioni. E’ De Francesco a impegnare prima il port ere del Picerno Summa e poi a travestirsi da assist man per il tiro a colpo sicuro di Fusco che si stampa sul palo a Summa battuto. Esce De Ciancio infortunato sostituito da Pitarresi. Nel recupero è ancora Fusco a impegnare Summa sull’angolo di De Francesco. Comincia la ripresa sempre nel segno dei campani che si riversano nella metà campo e costringono il Picerno a schiacciarsi   con tutti gli effettivi davanti all’area grande, Sul cross di Kolay arriva il secondo palo del Sorrento con Badje e poi libera Gilli. Entrano Vitali e Martignago e la pressione degli uomini  di Maiuri diventa quasi un assedio e Longo immette Albertini e Graziani per Albadoro e Petito molto in ombra. De Francesco sfiora la traversa su punizione e Badje effettua un traversone radente sul quale Pagliai sventa il pericolo mettendo in angolo. Sorrento sempre in attacco e Picerno in evidente difficoltà. Per portare il successo a casa  Longo mette in campo Santarcangelo e Ciko. Si esaurisce la spinta del Sorrento e all’ultimo minuto di recupero ripartenza del Picerno con Santarcangelo che entra in area e serve all’altezza del dischetto del rigore Albertini che mette il pallone all’incrocio. Punizione troppo severa per i campani che avrebbero quanto meno meritato il pareggio e tanta fortuna per la squadra di Longo che si gode Murano e il secondo posto solitario in classifica. A fine gara molto nervosismo in campo e scontri verbali tra i giocatori delle due squadre . Maiuri denuncia con parole forti e con nomi precisi quanto accaduto e le offese arrivate. Con grande sportività Longo riconosce di aver avuto fortuna e dice che il merito va tutto al Sorrento che ha costretto gli avversari nella propria area.
Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella...

Rispondi