POTENZA, QUELLA GRADINATA CHE SCENDE AL SAN CARLO

0

                                                                                                                                                                                                di Vittorio Basentini

Rione Macchia Romana. Il quartiere più popoloso del capoluogo ma pieno di problemi.

Analizziamone uno.

Nelle fotografie segnaliamo le precarie condizioni di una gradinata, ad uso e consumo dei cittadini nei pressi del nodo stradale di Macchia Romana realizzato circa dieci anni fa.

Più che una gradinata trattasi di un percorso pieno di pericoli ed è un punto di accesso ad un corpo di fabbrica del nosocomio, attualmente chiuso, utilizzato da centinaia di cittadini.

Un vero trofeo del pressappochismo e del limitato decoro urbano della nostra città, capoluogo di regione.

Questa specie di gradinata collega Via Delle Medaglie Olimpiche del Rione Macchia Romana con la viabilità interna all’ospedale difronte al corpo di fabbrica del presidio del 118.

Per intenderci è una gradinata che risale al tempo dei lavori per la costruzione dell’ospedale, usata dagli operai che la realizzarono per raggiungere a piedi il cantiere dalla strada.

Oggi, invece, viene utilizzata dai cittadini diretti verso l’Ospedale S.Carlo che parcheggiano le loro automobili lungo la zona laterale della sede stradale del ponte di accesso al Rione Macchia Romana.

Una gradinata questa che, all’epoca della costruzione del polo ospedaliero ovvero quando i lavori furono ultimati, è rimasta incompleta, con i suoi gradini di cemento, con un corrimano assemblato alla meglio, con i tondini di ferro arrugginito; peraltro non venne nemmeno sistemata  nel corso dei lavori relativi alla costruzione del nodo stradale ultimato nel 2009-2010.

Insomma questa opera provvisoria ad uso del cantiere doveva essere dismessa con l’ultimazione dei lavori, oppure doveva essere sistemata per renderla utilizzabile.

Oggi, invece, lasciata all’incuria costituisce un vero pericolo, soprattutto per le persone più anziane che dovessero percorrerla.

Sicuramente si è  pensato che quella specie di gradinata sarebbe stata utile, perciò non è stata rimossa.

Utile sì, ma a condizione che fosse rifatta, sistemata e messa in sicurezza. Niente di tutto questo.

La gradinata rimane lì tale e quale nelle stesse condizioni di qualche decennio orsono.

Segnaliamo, altresi’, che quella gradinata è ufficialmente a servizio pubblico, tant’è che nelle vicinanze è ubicato un cartello, il quale la indica ai passanti, come un toponimo a tutti gli effetti.

Nelle immagini documentiamo le condizioni del suo percorso, un vero e proprio trofeo della vergogna.

Sicuramente nemmeno nei Paesi sottosviluppati esistono queste opere.

Segnaliamo, pertanto, agli Organi competenti  che la gradinata di che trattasi deve essere rimossa o rifatta in maniera adeguata nelle condizioni di idonea sicurezza, per azzerare il pericolo in quella zona della nostra Città.

Quale zona ? Via delle Medaglie Olimpiche in corrispondenza del ponte di Macchia Romana.

I cittadini residenti conoscono bene i pericoli.

 

 

Condividi

Sull' Autore


Lascia un Commento