SERIE C, INIZIO CLAUDICANTE

0

Si è giocata la seconda giornata di Serie C e la classifica del girone meridionale è già provvisoria perché mancano  molte partite da giocare. Tutte per motivi diversi: si è fermato il Potenza che avrebbe dovuto incontrare il Palermo, ma per il virus riscontrato a due calciatori è rimasto ai box.
Continuano a non giocare il Foggia e il Bisceglie per la proroga ottenuta dalla Lega a causa del ripescaggio, mentre l’Avellino con la Turris ha saltato il turno causa maltempo.
Per complicare di più i piani della lega c’è il Trapani che non essendosi presentato in campo contro il Catanzaro rischia l’estromissione dal campionato perché già recidivo e con – 3 punti di penalizzazione.
Ci troviamo di fronte ad una classifica parziale e con squadre come la Casertana, Foggia, Bisceglie e Trapani che non hanno ancora debuttato.
La classifica di oggi non ha rilasciato nessuna patente a squadre con punteggio pieno, infatti le prime tre che guidano con quattro punti, Bari, Teramo e Ternana, hanno subito tutte una battuta d’arresto.
La giornata ha sorriso all’Avellino, alla Ternana, al Catania e Juve Stabia che hanno fatto bottino pieno in trasferta, riscattandosi le prime tre, da  precedenti prove opache, e la quarta da una sconfitta  casalinga  subita ad opera del Monopoli.
Il Bari, candidato a recitare un ruolo di primo piano, ha sudato molto, per recuperare il pareggio contro il temibile Teramo che, ricordiamo, aveva battuto in casa il Palermo, un’altra delle candidate alla lotta per la promozione.
Nei prossimi due giorni le società saranno impegnate ancora sul mercato perché a mezzanotte del giorno 6 settembre si chiuderanno le trattative.
La Casertana, prossima avversaria del Potenza, è stata molta attiva  negli ultimi giorni chiudendo con alcuni calciatori che mancavano per completare l’organico.
Gli ultimi arrivati  agli ordini del giovane mister Federico Guidi,  sono il possente difensore uruguaiano Fabrizio Buschiazzo, il  centrocampista Nicolas Izzillo e il difensore, ex Gubbio, Dramane Konate.
Una squadra che ha subito una vera rivoluzione rispetto all’organico del passato anno, perché tranne il veterano centravanti Castaldo, il presidente D’Agostino ha rescisso i contratti con tutte le prime donne.
Zito, D’Angelo, Starita, Rainone e Flore Flore, quest’ultimo in pensione, hanno cambiato casacca, e addirittura Zito si è  accasato in serie D col Picerno.
Quindi una squadra che ha seguito la stessa scia del Potenza di Somma con un mix tra esperti e molti giovani.
Con un programma di crescita che con la passione e il lavoro attendono i risultati dal campo per orientare man mano gli obiettivi della stagione.
Il Potenza affronterà mercoledi sera una squadra che non ha ancora fatto il suo esordio in campionato,  forse questo dato potrebbe costituire, per i lucani, un piccolo vantaggio per ripetere il successo conseguito contro gli aquilotti giallorossi nella partita d’esordio.
Per mercoledi, sono tutti a disposizione compresi gli acciaccati Viteritti e Coccia, dai test sono risultati tutti negativi mentre restano in quarantena i due calciatori risultati positivi al tampone.
Se lo stato sanitario della compagine rossoblu rimarrà immutato, la partita si giocherà e il Potenza dovrà rinunciare a fare esordire il portiere Gabriele Marchegiani risultato positivo al virus.

È da registrare un movimento d’uscita del Potenza che nelle ultime 24 ore ha rescisso il contratto col giovane attaccante Gassama per lasciarlo libero di accasarsi in un club di serie D.

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Rispondi