SU MARATEA NIENTE SCARICABARILI, CI VOGLIONO FATTI

0

L’acquedotto lucano ha cercato di ridimensionare le sue responsabilità  facendo vedere al Presidente Bardi che l’impianto è a posto, nel senso che sono state ripulite le vasche e riviste le linee di lavorazione della depurazione . Una operazione immagine che però sottende il tentativo di spostare su di altri la responsabilità di quanto accaduto, facendo apparire quello che è successo come possibile conseguenza degli scarichi abusivi. Invece le cose stanno diversamente : a) la marea di liquami che è intervenuta al largo di fiumicello è chiaramente di derivazione di un guasto all’impianto perchè una chiazza così vasta non poteva arrivare tutta ad un tratto dagli scarichi attraverso i due fiumiciattoli che scaricano nel mare; b) perchè dopo aver riparato l’impianto , per stessa ammissione di AL, c’è stata una rottura secondaria che ha determinato da parte del Sindaco un nuovo divieto di balneazione a Fiumicello; anche questa parte di condotta è stata poi riparata.  Però è pur vero che il depuratore si prende a Maratea anche colpe non sue, nel senso che è noto da anni che sui due torrenti , l’uno di Fiumicello, l ‘altro di Castrocucco si scaricano liquami abusivi da parte di abitazioni prive di collegamento alla rete fognaria. Questo inquinamento normalmente viene alla luce nella stagione estiva quando il mare meno mosso e la quantità minore di acqua di scarico contribuisce ad alzare la soglia di contaminazione da micro batteri. Ma è evidente che per una cittadina che vuole fare dell’ambiente e della bellezza il suo status Symbol  queste carenze non possono essere tollerate. E quindi necessario mettere in atto un urgente censimento degli scarichi sull’intera linea dei due torrenti e un altrettanto urgente piano di messa in sicurezza della stessa attraverso a) l’0bbligo per le abitazioni della pulizia dei pozzi neri, l’eliminazione di eventuali tratti fognari abusivi che portano direttamente i liquami nei torrenti, l’obbligo  per le abitazioni ancora prive di rete fognaria, di presentare le fatture di regolare spurgo annuale del  materiale presente nei pozzi neri. La presentazione della fattura obbliga il Comune  o chi per esso a stralciare dalla bolletta la quota per la depurazione delle acque reflue. La non presentazione invece comporta automaticamente gli accertamenti per il mancato adempimento. Dopo di che è necessario finanziare l’allargamento della rete fognaria, attraverso un piano di investimento , a partire dalle situazioni che più destano scalpore. Dopo quello che è avvenuto, e dopo le verità disvelate, si rischia di scordarsi le bandiere blu , se non si dimostra di prendere la situazione di petto. FOTO DAL POST DI GIANLUIGI LAGUARDIA

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento