TREROTOLA A BARDI: ATTENZIONE, QUI CI SCIPPANO L’ACQUA

0

Il pericolo che sull’acqua si giochino partite che escludano la Basilicata è reale e serio e a nulla valgono le rassicurazioni di singoli ministri o di singole forze . E’ solo da una informazione corretta su come stanno le cose, su una trasparenza sulle procedure e sui vari passaggi dei provvedimenti che si può avere  quel coinvolgimento minimo di una regione che ha nell’acqua la più strategica delle sue risorse ,con il suo imponente sistema di produzione ed accumulo idrico, quantificato in circa 1 milione di metri cubi all’anno. E’ da questo ragionamento che prende le mosse  la presa di posizione del consigliere regionale Carlo Trerotola, diretta a sensibilizzare il presidente Bardi sulla necessità di tenere alta la guardia in  vista della discussione del disegno di legge presentato dal Governo sulla soppressione dell’EIPLI e sulla realizzazione di un nuovo organismo interregionale cui conferire la titolarità e la gestione della risorsa.  L’uso plurimo ed interregionale  si è sempre esercitato, già dalla Legge Galli, attraverso una concertazione  ed un accordo di programma a tre, le Regioni Basilicata e Puglia ed il Governo  Nel mese di Luglio del 2016 – ricorda Trerotola- l’Accordo è stato rinnovato per ulteriori 15 anni.

In pratica tali strumenti hanno consentito di mettere a punto processi di coordinamento permanenti che hanno permesso nel tempo di utilizzare al meglio la risorsa ed eliminare molte incomprensioni e conflittualità tra le Regioni.

La preoccupazione che questa gestione condivisa della risorsa possa slittare verso un diverso scenario viene, dice Trerotola- dal  Disegno di Legge 1807, attualmente in discussione alla Camera dei Deputati.

L’art. 24 del Disegno di Legge tratta l’annosa questione del processo di liquidazione dell’Ente Irrigazione e la costituzione di una Società partecipata dallo Stato e dalle Regioni (Basilicata, Puglia, Campania) a cui dovranno essere trasferite le competenze e le funzioni attualmente svolte dall’ ente.

Occorre stabilire le quote di partecipazione nella costituente Società, bisogna proporre l’istituzione di un tavolo tecnico tra lo Stato e le Regioni interessate per determinare il valore della Tariffa dell’acqua all’ Ingrosso i cui proventi, a mente dell’Accordo di Programma, sono devoluti alla Regione che produce la risorsa idrica (componente ambientale della Tariffa), quindi in massima parte alla nostra Regione, bisogna rivendicare la sede della Società in Basilicata, definire la pianta organica e tante altre cose ancora che il Disegno di Legge non prevede.

Infine l’appello di Trerotola a Bardi affinchè , su un tema così importante, voglia e sappia costruire il massimo del consenso popolare, cercando l’apporto di tutti, anche attraverso il coinvolgimento dei partiti e dei parlamentari lucani, prima che le cose  sfuggano di mano con pesantissime ripercussioni in termini politici, sociali ed economici per la nostra regione.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento