PER UN SECONDO IN PIU’

0

Dino De AngelisDINO DE ANGELIS

Tutti i lucani ancora ricordano l’inspiegabile countdown del Capodanno materano, esattamente un anno fa, allorquando tutti festeggiavano l’arrivo del 2016 sul palco di Piazza Vittorio Veneto, mentre su tutti i cronografi d’Italia mancava ancora più di un minuto.

Anche quest’anno succederà qualcosa del genere sul palco di piazza Prefettura a Potenza, solo che il tempo sarà anticipato, per fortuna impercettibilmente. Cosa succede? In Basilicata il tempo scorre diversamente  che altrove? No, in realtà sono solo casualità. O meglio a Matera, c’è stato proprio un errore, nel senso che lì sbagliarono proprio il sincronismo degli orologi. A Potenza invece, il ritardo sarà microscopico, appena di un secondo, quindi non se ne accorgerà nessuno.

Come faccio a saperlo? Nessuna preveggenza. Lo dice la scienza. L’ultimo bizzarro scherzo di un anno bisestile, già lungo di una giornata il 29 febbraio, che fa di tutto per restare ancora di più tra noi. Qualcuno dirà: cosa vuoi che sia un secondo? Rispondiamo tra un attimo. Intanto la notte di Capodanno durerà un secondo più delle altre, perché bisogna sincronizzare gli orologi di tutto il mondo con la rotazione del pianeta Terra. Infatti la Terra non ruota esattamente in 24 ore: esiste infatti una piccolissima differenza tra la durata del giorno così come siamo abituati a misurarlo con gli strumenti che di solito adoperiamo (gli orologi) rispetto a quello effettivo. Uno scarto piccolissimo, ma che aumenta giorno dopo giorno fino a raggiungere la quota di un secondo in pochi mesi. Ecco perché ogni tanto è necessario “allineare” questi tempi, e quale occasione migliore per farlo, se non allo scoccare della mezzanotte dell’ultimo giorno dell’anno?

Dicevamo che non solo non sarà percettibile, ma i più irriducibili staranno già pensando: e cosa vuoi che ce ne importi a noi di un misero, inservibile, inutile, impercettibile, secondo? E avranno sbagliato completamente la valutazione. Già perché quel cazzetto di tempo, ritenuto dai più totalmente trascurabile, in realtà ha molta più importanza di ciò che si crede.

Ora, per tutti quelli che staranno sotto il palco di piazza Mario Pagano a Potenza a festeggiare il nuovo anno al ritmo di pepepepeppepe forse questo secondo non dirà nulla, e così per tutti gli altri italiani che in quello scoccare impreciso della mezzanotte si daranno un bacio di auguri per l’anno nuovo, ma quello che tutti devono sapere è che quel secondo è tutt’altro che trascurabile. Ecco in ordine sparso una serie di cose che possono accadere in un secondo, e che spesso fanno la differenza nelle nostre vite. Ogni singolo secondo, nel mondo nascono più di 4 bambini, muoiono quasi 2 persone, vengono inviate quasi 2 milioni e quattrocentomila mail e quasi 10 mila tweets, vengono svolte quasi 50 mila ricerche su Google, vengono postate quasi duemilatrecento foto su Instagram, si vedono oltre 10 mila video su youtube, e vengono messi oltre 1 milione e ottocentomila like su Facebook. Inoltre, sempre in questo tempo che per molti non è nulla, un’ape fa 270 battiti, 44 fulmini colpiscono la terra, Usain Bolt copre 12, 2 metri e un falco pellegrino in picchiata invece ne copre 91.

E infine vorrei ricordare che a noi, a noi tutti, può succedere (o forse per qualcuno è già successo) che abbiamo preso delle decisioni repentine anche in meno di un secondo che hanno sovvertito completamente il corso della nostra vita, e che in un quello che per molti è soltanto uno stupidissimo secondo, Apple guadagna 4.852 euroGoogle 1.536 euroFacebook 222 euro e l’uomo più ricco del mondo, Warren Buffett, ne guadagna 360 (tutti i numeri sono presi dalla rivista: Focus).

Perciò, in quello scoccare della mezzanotte che divide l’anno vecchio dal nuovo, voi non ci pensate e festeggiate pure, ma sappiate che, in quel preciso momento, nel breve volgere di un battito di ciglia, c’è tutto un mondo di persone, cose, animali e apparati tecnologici e finanziari intorno a noi che magari non se ne curano affatto di cambiare una data sul calendario, essendo tutti impegnati a fare milioni di altre cose. Auguri a tutti. E da questo momento date ad ogni secondo l’importanza che merita!

Condividi

Sull' Autore

Dino De Angelis

Lascia un Commento