UNA POSIZIONE PIU’ RAGIONEVOLE SULLE SCUOLE!

0
Il provvedimento di chiusura delle scuola primaria ha suscitato opposte reazioni tra chi ritiene anche la scuola una fonte di contagio e chi invece è convinto che la scuola, proprio perchè è organizzata e disciplinata, è capace di limitare al massimo i contagi.  Si pone a metà di questa contrapposizione la posizione espressa oggi dal Consiglio provinciale secondo cui  bisogna  considerare la chiusura delle strutture scolastiche come una misura estrema e lavorare per riportare in tempi brevi, in sicurezza i bambini a scuola, senza eroismi e con le opportune e necessarie cautele”. Il documento della Provincia, che il presidente Rocco  Guarino ha sintetizzato nel suo intervento , esalta il metodo della condivisione che la Provincia ha instaurato con i Comuni e sostiene il concetto che il recovery fund deve essere l’occasione per porre al centro dell’azione regionale il tema della sicurezza nella scuola e nella qualità della didattica. E proprio parlando della vitalità degli enti locali, è da prendere ad esempio l’iniziativa assunta dal Sindaco di Tito di scrivere al ministro della Salute Speranza per chiedergli di definire una strategia di interventi che consenta l’attività scolastica in sicurezza. Ad avviso di Graziano Scavone è improcrastinabile agire su tre assi prioritari: eseguire test rapidi antigenici almeno ogni due settimane ai docenti ed al personale scolastico per monitorare la diffusione del virus iniziando appunto  dagli operatori che hanno una più ampia rete di contatti all’interno della scuola; estendere l’obbligo di quarantena ai contatti stretti con un positivo e di conseguenza attivare la didattica a distanza anche a costoro,  consentendo così di interrompere potenziali catene di contagio che interessano medesimi nuclei familiari; definire indici per la misurazione di un livello di criticità derivante, ad esempio, dalle connessioni tra i casi positivi, alunni e propri familiari in quarantena, dall’assenteismo tra personale docente e alunni, al fine di sospendere le attività didattiche in presenza quando gli indicatori superano la soglia ritenuta sostenibile. A latere di questa iniziativa da segnalare l’intervento del presidente del Corecom di Basilicata, Marra, che, riportando l’esito di una indagine condotta a livello nazionale rivela come “le lezioni on line, riproposte in Basilicata anche in questa prima stagione scolastica hanno fatto emergere disuguaglianze nell’accesso al processo educativo, e in particolare disuguaglianze digitali inaccettabili.
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi