OLTRAGGIO AL MUNICIPIO

0

Non ha affatto torto il consigliere comunale Pietro Campagna nell’attaccare l’Amministrazione di Potenza per quelle gabbiette da stand messe nell’atrio del palazzo comunale, un palazzo che ha visto la storia della città e che merita più rispetto estetico fuori e dentro.  Se c’è una cosa di quel palazzo  che emoziona , per chi ricorda la vita municipale di tanti anni fa, è proprio quell’atrio ad un tempo austero ed accogliente, simbolo di autorità e di partecipazione, con la gente che vi sostava o per dare un’occhiata all’albo pretorio, o perché aspettava il Sindaco che passreceived_10203263898756010asse, o perché organizzava una protesta. Ricordi a parte, quelle gabbiette sono impattanti , brutte e per niente funzionali e tali da non rendere giustizia ad Un Sindaco che questa città dice di volerla rendere decorosa. Meraviglia, in questa circostanza, il silenzio della Soprintendenza, evidentemente  rigida con le persone che contano poco e distratta e ossequiente nei confronti di chi amministra . Abbiamo lottato contro la precedente Giunta municipale per la incapacità di vedere questa città  con occhi attenti per le piccole cose di tutti i giorni : la sciatteria imperante, il menefreghismo nella vigilanza,  le baracche, il degrado. Oggi le baracche ci sono e si stabilizzano ( l’ultima davanti all’ex centrale del Latte), gli elementi estetici quali le fontane, sono o divelte o non funzionanti, le strade sono piene di impianti pubblicitari impattanti e indecorosi  e i marciapiedi sono strisce di immondezzai. No , continua il vizio di pensare alle cose in grande e di trascurare la vita quotidiana dei cittadini che non ce la fanno più a vedere questa città trascurata come un parente povero.comune-di-potenza

Dicevamo dell’iniziativa di Pietro Campagna che ha  presentato un’interrogazione urgente per chiedere “le motivazioni che hanno potuto determinare una scelta tanto scellerata in uno all’immediato ripristino dei luoghi per restituire al Palazzo di Città il decoro che giustamente merita”. Il consigliere fa riferimento all’installazione nell’atrio del Palazzo di Città di due box metallici, che sembrerebbero destinati ad accogliere uno sportello di servizio dell’Azienda Ospedaliera “S.Carlo” e forse anche un presidio della Polizia Locale. Nulla si ha in contrario, anzi sono da accogliere favorevolmente entrambe le iniziative: la prima perch119707é dà finalmente attuazione a un protocollo di intesa sottoscritto anni addietro con l’Azienda Ospedaliera al fine di assicurare la presenza di uno sportello a servizio della popolazione residente nella parte alta della Città; la seconda per assicurare la presenza in Centro Storico di una pattuglia della Polizia Locale al fine di garantire una maggiore vigilanza e il necessario contrasto ai sempre più frequenti atti di vandalismo. Appare, invece, del tutto incongrua e sconsiderata la deturpazione dell’atrio di rappresentanza del Palazzo di Città perché la installazione di strutture precarie certamente non si concilia con le caratteristiche architettoniche di tale ambito, chiamato, invece, a svolgere, per l’appunto, una funzione di rappresentatività degna dell’edificio istituzionale più importante della Città. Ciò è il palese simbolo della sciatteria e della totale improvvisazione e precarietà con la quale viene gestita la Città da oltre due anni. Erano state, peraltro, suggerite altre soluzioni certamente più consone e adeguate al centro storico della Città capoluogo di Regione, quale, a esempio, il trasferimento dell’Urp e del punto informativo turistico nell’edificio (da tempo ristrutturato e tuttora inutilizzato) di Largo D’Errico, in modo da liberare sempre nello stesso Palazzo di Città ambienti certamente più idonei ad accogliere sia lo sportello informativo del San Carlo che il distaccamento della Polizia Locale” conclude Campagna.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento