SI, ROSA HA RAGIONE: I SINDACATI OGGI ESPRIMONO IL PEGGIO

0

Il consigliere di Fratelli d’Italia, Gianni Rosa, dovrebbe rallegrarsi  del fatto che Cgil, Cisl e Uil hanno perso la loro funzione di rappresentanza , non foss’altro perché, questa perdita è tutt’uno con  l’incapacità di raccogliere consensi e di assolvere allo scopo , mai dichiarato ma sempre praticato, di portare voti ai partiti di riferimento.  Oggi non portano una cippa, come si dice, e quelli che si sono cimentati ai diversi livelli  non hanno fatto né molta strada né bella figura. I tre Sindacati. a livello generale, sono in crisi da decenni, ma l’hanno nascosta dietro la lotta a Berlusconi, il solo collante che poteva tenerli uniti. Se avesse attaccato lui l’art.18 ci sarebbero state le piazze convocate in permanenza.  Renzi invece  lo ha fatto e anche loro, i sindacati, si sono inoltrati nei meandri della politica, con il “forse” della Cisl, il no della Cigl, e il “parliamo d’altro” della Uil. La solita manfrina cui la politica ci ha abituati. Il fatto nuovo è che questa inconsistenza è venuta fuori  da quando i Sindacati hanno perso l’appuntamento con il problema dei giovani e dell’occupazione, ripiegandosi nella difesa di quelli che il lavoro lo avevano. E’ successo che hanno perso molti di quelli che il lavoro lo avevano e non hanno ricavato una sola adesione da quelli che il lavoro lo cercavano. Insomma una presenza statica in un mondo che cambia e che reclama nuovi protagonisti sociali. Alcune distorsioni del sistema( ad esempio il prelevamento salvo disdetta della quota sindacale, la presenza in alcune istituzioni e in molti consigli di Amministrazione, hanno reso i sindacati confederali delle sorte di macchine burocratiche, tutte attente a guardarsi dentro e incapaci di rinnovare profondamente il senso del loro ruolo.  Il potere è arrivato anche lì, con le sue logiche, le sue distorsioni, i suoi meccanismi, i suoi privilegi, a cominciare dalla doppia pensione di chi fa contemporaneamente due mestieri in uno ( il sindacalista e il dipendente in aspettativa). Così , sulla base di vecchi rituali secondo cui i Sindacati dovevano teoricamente mettere il naso dovunque ( ricordiamo le polemiche sul pansindacalismo) hanno finito col rendere così generica e superficiale la loro presenza dal convincere anche i più perseveranti a rendersi conto che oggi, questi sindacati, sono incapaci di muoversi nella modernità, non studiano i temi nuovi, non ne conoscono i problemi e  sono riottosi a rinnovarsi, mantenendo a denti stretti ognuno un aggancio con il vertice sindacale o politico. In Basilicata poi, il consigliere Rosa ha ragione,  il Sindacalismo si muove non tanto in funzione dei partiti quanto in funzione dei singoli politici di riferimento, orientandosi a seconda delle alleanze, dei rapporti e delle ambizioni personali.  Ed è uno spettacolo deprimente vedere che alzano la voce oppure sussurrano a seconda della parte che debbono recitare. Ma la cosa più deprimente è quando fanno finta di fare l’opposizione dopo che hanno sotto sotto concordato certi passaggi e digerito certi provvedimenti. Il riferimento alla questione dei precari , cui pure una legge assicurava un percorso di stabilizzazione e che invece van da tutt’altra parte, non è affatto casuale. Ed è avvilente constatare che, dopo aver fatto una battaglia nazionale per la stabilizzazione, oggi si voltano dall’altra parte quando quella legge viene aggirata.  R.R.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento