MATRIMONIALE POTENTINO

0

LUCIO TUFANO

Maritaggio: venticinque lire, dai quindici anni in su, alle fanciulle povere di condotta illibata, orfa­ne, figlie di genitori ignoti. Il parroco di volta in volta lo attesta. La congregazione di carità, con le mani dell’avvocato De Bonis, elargisce. Per l’ospedale, l’ospizio, l’asilo e il ricovero delle orfanelle, il Parlamento vota la tombola telegrafica nazionale.

Lyda Borelli si appresta al suo primo film muto Ma l’amor mio non muore; Lina Cavalieri, divorzia­ta da un principe russo, da un miliardario americano e da un tenore francese, approda al Covent Garden di Londra.

Al circolo Lucano, nei giri di valzer, nella quadriglia, nella polka, nella mazurka, musette, mignon, madrilene, nel divino boston, angiers, avant e dret, si affoga l’anno trascorso e si brinda a quello nuovo.

Si accendono le luci nel palazzo che fiancheggia la cattedrale. Raffiche di tramontana, enormi cu­muli di neve ne gelano i muri. All’altezza delle finestre, conficcati nelle orride bocche di pietra, gli anelli di ferro a trattenere i cavalli del fattore, e i coloni venuti dallo sperduto latifondo per l’omag­gio delle derrate e dei frutti per il canone. L’arco di S. Gerardo fa da bocca di accesso al piazzale an­tistante la sede della curia, accanto a cui sta il secentesco palazzo Scafarelli. Per salirvi bisogna ag­grapparsi alle ringhiere, fare tappa su quattro pianerottoli. Strette di mano, invitati, garofani, nipoti­ni, risate, voci, odoroso spumeggiare signore, ufficiali in alta uniforme, baciamani, fruscio di vestiti, sguardi austeri di antenati, squarci di paesaggi lucani, piante, fiori, merletti, gioielli, bianco di spo­sa, spanne mai percorse di terra sono dentro lo stemma di famiglia.

Si sposa Amelia Scafarelli. Sulla soglia della cattedrale, l’avvocato Simeone Difonzo di S. Eramo in Colle, sposo. Grossi solitari con pendenti, diademi, collane, brillanti, spole, perle, bracciali in zaffi­ri, orologio d’oro, pendenti in rubini, coppe in cristallo, d’argento, servizi téte a téte, lacci, ventagli in oro, tartarughe con monogramma in argento, coppa di bronzo Impero, portafiori in maiolica, bi­nocolo in diaspro, anfore, ricami, un matrimonio in oro ed argento, brillanti. Una fiaba antica rac­contata per i vicoli vicini, per le carrozze che portavano la posta a Napoli, per le manciate di soldi, i confetti su cui si scaraventano a mucchio i ragazzi, mocciose presenze di una folgorante giornata, per Totonno, cocchiere di notizie e di leggende, alla sinistra del mento un ciuffo di peli come un baffo bianco.

Il Lucano 24 febbraio 1908

 Gioie domestiche. La marchesa Cesare Donnaperna ha avuto la felicità di dare alla luce il florido maschietto, Alberto, che sarà l’erede di uno dei più stimati ed artistocratici cognomi che vanti la Lucania. In questa nostra terra, ove le tradizioni di antica cortesia e di incontaminato lignaggio vanno scomparendo pel sopravvivere della gente uova non è indegno di gioia sincera l’evento che perpetua un cognome illustre.

Il Lucano 27 settembre 1908

Si desiderava tanto un corso di spettacoli o di rappresentazioni al Comunale ed il pubblico non è mancato alla prima recita della Compagnia italiana, diretta da Luigi Cigoli. Nel repertorio della Compagnia sono forti lavori drammatici e la produzione artistica moderna e contemporanea vi tro­va posto larghissimo. 1 nomi di Sardou e di Sudermann, di Giacosa, di Rovetta, di D’Annunzio, di Roberto Bracco, di Morello, di Sabatino Lopez: i titoli delle pochades più piccanti, sono sicuro in­dice del buon gusto e dell’intelligenza artistica del direttore-proprietario. La sera di giovedì: Ma­dame Sans Gène. La prima attrice sig. Eugenia Cigoli, vivacissima, ha dato tutto il colorito, il ne­cessario movimento di scena, e una seducente interpretazione al carattere di Caterina: ha riscosso molti applausi. Il direttore Luigi Cigoli (Napoleone), La Gina Benferrati (S. M. Carolina), l’attore Armando Cittadini (Lefevre), il brillante Carlo Cigoli, contribuiscono efficacemente e furono ap­plauditi.

Questa sera: I disonesti di Rovetta. Fra breve,una delle novità che più si sono affermate nella re­cente produzione teatrale: Bufere di Sabatino Lopez.

 

Condividi

Sull' Autore

Lucio Tufano

LUCIO TUFANO: BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE “Per il centenario di Potenza capoluogo (1806-2006)” – Edizioni Spartaco 2008. S. Maria C. V. (Ce). Lucio Tufano, “Dal regale teatro di campagna”. Edit. Baratto Libri. Roma 1987. Lucio Tufano, “Le dissolute ragnatele del sapore”, art. da “Il Quotidiano”. Lucio Tufano, “Carnevale, Carnevalone e Carnevalicchio”, art. da “Il Quotidiano”. Lucio Tufano, “I segnalatori. I poteri della paura”. AA. VV., Calice Editore; “La forza della tradizione”, art. da “La Nuova Basilicata” del 27.5.199; “A spasso per il tempo”, art. da “La Nuova Basilicata” del 29.5.1999; “Speciale sfilata dei Turchi (a cura di), art. da “Città domani” del 27.5.1990; “Potenza come un bazar” art. da “La Nuova Basilicata” del 26.5.2000; “Ai turchi serve marketing” art. da “La Nuova Basilicata” del 1.6.2000; “Gli spots ricchi e quelli poveri della civiltà artigiana”, art. da “Controsenso” del 10 giugno 2008; “I brevettari”, art. da Il Quotidiano di Basilicata; “Sarachedda e l’epopea degli stracci”, art. da “La Gazzetta del Mezzogiorno” del 20.2.1996; “La ribalta dei vicoli e dei sottani”, art. da “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Lucio Tufano, "Il Kanapone" – Calice editore, Rionero in Vulture. Lucio Tufano "Lo Sconfittoriale" – Calice editore, Rionero in Vulture.

Rispondi