ATTIVO IL POTENZA SUL MERCATO IN USCITA.

0

rocco sabatella

Dopo aver assestato quasi tre colpi in entrata, Arcidiacono e Viteritti ufficiali e Iuliano pronto a diventarlo non appena rientrerà dalle vacanze, il Potenza si sta concentrando in questa fase sulle uscite. Dove si registrano gli addii di Genchi e  di Guaita. Con una notevole differenza tra le due situazioni. Mentre quello dell’attaccante barese era programmato, l’addio dell’argentino ha colto tutti di sorpresa. Visto che le difficoltà sono sorte sin dall’inizio delle trattative per il rinnovo del contratto. Infatti, di fronte all’offerta al ribasso, rispetto alla stagione scorsa, presentata all’agente di Guaita dal presidente Caiata, si è capito che la permanenza in rossoblù dell’argentino, molto seccato per non aver avuto la giusta considerazione che si aspettava dai dirigenti, non fosse sicura. Per cui Guaita e il suo agente hanno cominciato anche a guardarsi intorno. E intorno hanno trovato immediatamente il forte desiderio dell’ex tecnico del Potenza Nicola Ragno, nel frattempo approdato al Taranto, di approfittare della situazione per fare un’offerta al giocatore. Nonostante la decisione del presidente Caiata di migliorare sensibilmente la prima offerta nella parte fissa ma anche attraverso l’inserimento nel contratto di alcuni bonus, segnali di apertura di Guaita non se ne sono registrati. Domenica scorsa, attraverso i social, Guaita che è in Argentina per le vacanze, ha annunciato il suo addio al Potenza.” Vado via – ha scritto Guaita –con enorme dispiacere, ho dimostrato in questi anni di rinunciare a tutto pur di indossare la maglia del Potenza. Ma tutto ha un limite”. Quest’ultima frase, che è una bordata non di poco conto alla società rossoblù, al contrario delle dimostrazioni di grande affetto verso i tifosi e la città che ha accolto Guaita e i suoi familiari in maniera splendida, dimostra che non  c’erano spiragli di poter sanare il rapporto professionale. Ognuno per la propria strada e piccata risposta al giocatore da parte del Potenza. Che si dice” profondamente dispiaciuto per aver appreso la notizia dell’addio di Leo solo attraverso i social” ma allo stesso tempo aggiunge “ dal presidente al magazziniere nel Potenza sono tutti importanti, ma nessuno è indispensabile”.   Guaita non ha specificato dove andrà a giocare,  ma i rumors di mercato lo portano a Taranto alla corte di Nicola Ragno. In queste situazioni non si potrà stabilire chi abbia ragione e chi torto tra i due soggetti in causa. Possiamo essere soccorsi dalla constatazione che nel mondo del calcio le cose vanno in questo modo e che episodi come quelli tra Guaita e il Potenza ne succedono sempre in quantità industriale. Ma una cosa possiamo dirla in tutta tranquillità e dopo aver elogiato Guaita per quanto fatto a Potenza in tre anni sul campo e fuori dal campo: ci auguriamo solo che l’argentino non debba pentirsi della sua decisione e soprattutto, dopo le tante rinunce, anche economiche, fatte pur di rimanere a Potenza, che l’offerta ricevuta dalla società che lo avrà tra le sue fila, sia veramente irrinunciabile e davvero migliore di quella che gli ha fatto il presidente Caiata. Inoltre auguriamo a Guaita di trovare la stessa accoglienza, lo stesso affetto, la stessa empatia di Potenza nella nuova città in cui andrà a giocare.  Per Genchi è arrivata, invece, la rescissione consensuale del contrato in essere con il Potenza che ha riconosciuto al giocatore una buonuscita economica che ha soddisfatto l’attaccante che si è subito accasato al Taranto dove è stato già due anni, risultando un idolo incontrastato dei tifosi ionici per aver segnato 48 reti in due campionati. Adesso, dopo il ritorno di Lescano e Matino al Parma per fine prestito, si continuerà a lavorare per altre uscite. In particolare quella di Salvemini, che ha ancora due anni di contratto con il Potenza. Sul giocatore, desideroso di riscattare la negativa stagione scorsa, trascorsa a metà tra Potenza e Monopoli, c’è l’interessamento di più di qualche società. A cominciare dallo stesso Monopoli che, però non si capisce o forse lo capiamo troppo bene perché non lo ha riscattato avendone il diritto, per finire al Picerno di Giacomarro che lo vorrebbe in prestito. Un altro elemento che potrebbe andare via è l’esterno offensivo Bacio Terracino, arrivato con buone prospettive che non sono state matenute appieno. A centrocampo si potrebbe registrare l’uscita del giovane Matera, anch’egli in direzione Picerno. Mentre Piccinni è stato confermato dal presidente Caiata che ha aggiunto che il centrocampista potrebbe andare via solo se ci fosse una sua richiesta in tal senso. Di conseguenza per completare l’organico che dal 15 luglio inizierà in sede la preparazione mancano ancora pochi tasselli. Ossia un attaccante esterno al posto di Bacio Terracino e che molto probabilmente sarà il giovane Longo e un attaccante centrale di valore. Per Longo sono in corso le trattative con il direttore sportivo Fagiano del Parma per acquisirne l’intera proprietà, mentre proseguono i contatti per la scelta della punta centrale. Da cercare tra i tanti giocatori svincolati in serie C o che sono diventati tali dopo la mancata iscrizione al campionato di ben 5 società, Lucchese, Arzachena, Albissola, Foggia e Siracusa. Quindi c’è un’ampia possibilità di scelta anche di elementi molto importanti che possono fare al caso del Potenza.  Come il classe 90 Sandomenico, la stagione scorsa 7 reti nella Reggina, oppure Petrella della Triestina con il quale qualche contatto già c’è stato. Il colpo per questo ruolo sarebbe lo svincolato Martignago, 15 reti la stagione scorsa nell’Albissola e sul quale si sono fiondati molte squadre di serie C oltre che alcune di serie B come il Cittadella. Il mercato si è aperto ufficialmente lunedi scorso e fino al 15 luglio, data di inizio degli allenamenti, la dirigenza del Potenza avrà tutto il tempo necessario per completare l’organico secondo i desideri di Raffaele. Intanto ieri è partita anche la campagna abbonamenti libera dopo che lunedi si era chiusa quella dedicata alla prelazione per gli abbonati dello scorso campionato. Sono state 925 le tessere sottoscritte ed è un ottimo risultato che lascia ben sperare che il dato complessivo della stagione scorsa, 1680 tessere, possa essere superato. Le tessere si acquistano esclusivamente nella sede di Via nazario Sauro.  Rispetto alla campagna delle prelazioni, le tessere in vendita da ieri sono state maggiorate del 10 per cento.            

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento