#BereBasilicata con Cantine Aperte verso la crescita dell’Enoturismo regionale

0

caterina policaro*

Il sistema del #BereBasilicata è finalmente visibile e riconosciuto dal pubblico di appassionati e dai mercati. I nostri vini continuano a mietere e raccogliere premi, riconoscimenti e successi a livello nazionale e internazionale. La Cantina dell’Anno 2018 è la Cantina del Notaio ed è lucana. #BereBasilicata ha oggi acquisito una dimensione importante nel parterre nazionale del vino. 

Delle 1000 cantine in Italia associate al Movimento Turismo del Vino, la cui presidente per la Basilicata è Filomena Ruppi, sono 9 quelle lucane che apriranno oggi e domani le porte per promuovere la cultura del vino di qualità, ecosostenibile e nel rispetto del giusto equilibrio tra innovazione e tradizione, la conoscenza delle ricchezze culturali, storiche e paesaggistiche oltre che enogastronomiche. Non solo Aglianico del Vulture, presente anche con l’Azienda Battifarano di Nova Siri, la Matera Doc e di conseguenza due aree del vino con particolarità differenti.

Sabato 26 e Domenica 27 maggio sarà possibile visitare queste aziende: Azienda Vitivinicola Barrifarano (Nova Siri, MT), Cantina il Passo (Barile), Cantine del Notaio (Rionero), Casa Vinicola Armando Martino (Rionero), Cantine Strapellum (Rionero), Azienda Agricola Elena Fucci (Barile). Domenica 27 Maggio si aggiungono al tour di Cantine Aperte anche le cantine Terra dei Re (Rionero), Cantina di Venosa (Venosa), Cantine Re Manfredi (Venosa). 

C’è una mappa con il percorso lucano di Cantine Aperte 2018 e la loro localizzazione, volta proprio a facilitare la visita di tutte, anche con una raccolta delle informazioni sui produttori: http://bit.ly/CantineAperteBasilicata2018 

I luoghi e le storie del vino lucano oramai legati dal filo conduttore nella narrazione collettiva della famosa frase di Orazio “Nunc est bibendum”, ora è tempo di bere e di bere Basilicata diventata hashtag #BereBasilicata.

Sono tre, infatti, le edizioni del Vinitaly a cui la regione Basilicata partecipa come collettiva regionale, coordinata dal Dipartimento Politiche Agricole e Forestali a guida dell’Assessore Luca Braia che ha spinto in questi tre anni i produttori lucani, innanzitutto, ad aggregarsi e creare una identità comune di Basilicata del vino che, grazie alla punta di diamante dell’Aglianico del Vulture, possa e poi a provare a narrare insieme i territori e i vini.  

Attraverso una modalità che si è voluta fortemente condividere, si sta provando a costruire la connotazione della Basilicata del vino, insieme ai consorzi delle imprese vitivinicole lucane e coinvolgendo i produttori nel 2018: a Verona quest’anno infatti,  tutte e 4 le DOC con i rispettivi consorzi di tutela (Grottino di Roccanova, Matera Doc, Terre dell’Alta Val D’Agri, Aglianico del Vulture) erano presenti, forse per la prima volta, insieme. E sono anche state protagoniste della serata dedicata in Gran Guardia nell’ambito del Vinitaly and the city.

Ecco che per il sistema del #BereBasilicata è arrivato anche il tempo di rilanciare l’enoturismo, portando gli appassionati del buon bere a visitare la nostra terra e a degustare le nostre eccellenze, direttamente nelle nostre cantine. La chiave vincente è sempre quella dello stare insieme e di promuovere non in maniera frammentata.  

Il turismo del vino, che coinvolge appassionati e intere famiglie e gruppi, è per l’Italia una risorsa economica e culturale con ampi margini di crescita, producendo un fatturato di oltre 2,5 miliardi di euro. Matera Capitale della Cultura 2019 è il grande attratto che sta portando in Basilicata migliaia di turisti, il vino può essere il collante per itinerari del gusto che sono sempre più ricercati e proposti dalla stampa nazionale ed internazionale, quando si parla della nostra regione.

I produttori coinvolti nel weekend enoturistico lucano del 26 e 27 maggio comunicano di aver avuto un aumento di richieste e prenotazioni, soprattutto dalle aree e regioni limitrofe con gruppi e bus organizzate che raggiungeranno il Vulture e il Materano per fare il tour. 

Il #BereBasilicata suscita infatti sempre più curiosità, soprattutto quando è in abbinamento con altre eccellenze e prodotti che sarà possibile degustare, nella sempre più apprezzata sinergia degli abbinamenti lucani, dai peperoni cruschi, ai formaggi, ai salumi, alla pasta ecc. 

L’Assessore Braia è convinto che l’enoturismo possa davvero rappresentare, come accade in altre regioni un traino per il comparto vitivinicolo e per tutte le aziende, oltre che strumento di promozione e valorizzazione. Il Dipartimento Agricoltura ha sollecitato, al rientro del Vinitaly 2018, tutti i produttori lucani ad aderire alle iniziative di Cantine Aperte 2018, ritenendolo tra i più importanti eventi di promozione di settore in Italia, dedicato agli amanti del connubio vino e turismo, nonché del legame tra cultura e sapori, che si svolge nell’ultimo fine settimana di Maggio. 

Il progetto di rilancio dell’enoturismo come ulteriore modalità di accesso e scoperta di luoghi e tipicità proseguirà con i nuovi GAL, non appena saranno operativi, per la realizzazione delle Vie del Vino di Basilicata, tracciando veri e propri itinerari turistici. Gli appassionati che vengono da fuori devono poter trovare attrazioni e itinerari organizzati, che prevedano i luoghi turistici e storici di interesse aperti e pronti a ricevere i visitatori. Le istituzioni dovrebbero allora attuare sinergie su questo movimento turistico variegato, così come gli stessi produttori dovrebbero sempre più imparare a promuovere tutto il territorio. Chi si troverà a passare questo weekend in Basilicata, nei percorsi delle cantine quest’anno troverà un bel programma, ma molto c’è ancora da fare.

Cantine Aperte, le strade del Vino ed ogni altra iniziativa di promozione e scoperta della Basilicata sono percorsi che ci si auspica prendano sempre più piede, unendo la capacità di accoglienza e la passione dei nostri produttori, la voglia di lavorarci tutti insieme come sistema #BereBasilicata, a momenti di degustazione e assaggio dei vini rossi, bianchi, rosati, bollicine, che possono essere acquistati direttamente in azienda, ma anche alla scoperta dell’arte della vinificazione e della produzione, dei vitigni autoctoni e non, delle produzioni e delle etichette, dell’enogastronomia con le tipicità territoriali assaggiate direttamente in cantina, e con visite visite ai tesori paesaggistici della nostra zone. 

*Caterina Policaro- Comunicazione – Dipartimento Politiche Agricole e Forestali Regione Basilicata

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento