BIENNALE D’ARTE DI BARI, SUCCESSO LUCANO

0

“Se il talento artistico lucano incrocia riconoscimenti internazionali che consacrano una narrazione della Basilicata che passa per l’arte e la conoscenza, e se questa terra è sempre più il racconto della Basilicata e di Matera, probabilmente è arrivato il tempo di convincerci del valore intrinseco e identitario, peculiare dell’arte lucana”. Così il consigliere regionale del Gruppo misto Aurelio Pace commenta il successo degli artisti lucani alla seconda edizione di Bibart, biennale internazionale d’arte di Bari, dove Salvatore Comminiello ha vinto il primo premio nella categoria “pittura informale”, Ilaria Moscardi ha ricevuto il primo premio per la “pittura figurativa”, Paola Salvia ha ottenuto il premio speciale della critica e Nisio Lopergolo si è classificato secondo nella categoria “scultura”.

“Non siamo la periferia di nulla – ha detto Pace che ieri a Bari ha partecipato alla cerimonia di premiazione -, siamo riconoscibili anche perché abbiamo degli artisti originali, unici ed accreditati nello scenario internazionale. Questo avviene anche grazie a soggetti che promuovono cultura e conoscenza come Porta Coeli foundation, che ringrazio per il ruolo svolto. Forse siamo pronti come Basilicata, nell’anno di Matera 2019, per promuovere in maniera internazionale il messaggio artistico lucano che parli del Mediterraneo e al Mediterraneo. Il tempo che incrociamo vive di questo e la narrazione della Basilicata diventa modello di conoscenza per il Mezzogiorno d’Italia, di sviluppo concreto e di integrazione culturale”.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento