Amore e dolore espressi in versi dialettali

0

La poesia Mammë composta da Mimmo Rizzo nel dialetto di Stigliano è costituita da 11 versi a rima libera nei quali l’autore esprime il sentimento più profondo che si possa provare: l’amore per la propria madre.

Attraverso le strofe della poesia l’autore rivive alcuni momenti particolarmente intensi nei quali la presenza della madre produceva in lui un effetto straniante, grazie al quale tutto il resto del mondo, e il tempo stesso, si arrestavano, trattenuti in un eterno presente.

Emerge, inoltre, la riconoscenza per quanto ricevuto dalla genitrice, certo che di tanto amore è stato possibile restituirne soltanto una piccolissima parte.

La parola mammë, che nel titolo apre il testo, e poi lo chiude nell’ultimo verso, vuole testimoniare questa riconoscenza, nella certezza che anche l’ultima parola della sua vita non potrà che essere uguale alla prima: mammë.

 

 

Mammë

Sé statë la cchió bbèlla fèmënë pë mmé.

Quannë sséië chë tté më prëšavë:

pëtuéië péurë ièssë nóvëlë lë tuimbë,

ié déië la manë a lë sólë e mmë mbëcuåvë.

Më bbastavë ca të uardavë e mmë passavënë tóttë lë pënzirë.

T’abbrazzavë, të vasavë lë cuddë (sèndë angórë l’addórë…)

e lë tuimbë e lë mónnë së fërmavënë, cómë chiatratë.

Nëššé(u)në e nnindë më pëtuéi schënzå: stéië nda la pacë dë Ddéië!

Dë quantë m’hai datë na tt’aggë pëté(u)të rènnë ca na lëndècchië,

ma, oramaië, sé ssèmbë nda lë córë mé(i)jë finë a quannë l’ucchië mijë s’anna chiódë.

E lë suaccë ggià ca l’ótëma paróla méië na ppótë ca ièssë cómë la pré(i)më: Mammë!

Domenico Rizzo

 

Mamma

Sei stata la più bella donna per me.

Quando uscivo con te, gioivo:

poteva anche essere nuvoloso il tempo,

io davo la mano al sole e mi riscaldavo.

Mi bastava guardarti e svanivano tutti i brutti pensieri.

Ti abbracciavo, ti baciavo il collo (sento ancora l’odore…)

E il tempo e il mondo si fermavano, come congelati.

Niente e nessuno potevano infastidirmi: stavo nella pace di Dio!

Di quanto mi hai dato, non ho potuto renderti che una lenticchia,

ma, oramai, sei sempre nel cuore mio fino a quando gli occhi miei si chiuderanno.

E so già che l’ultima parola mia non potrà che essere come la prima: Mamma!

Domenico Rizzo

 

 

Il componimento è scritto in dialetto stiglianese e molte caratteristiche di questa lingua locale, parlata nel cuore della Basilicata, sono ben visibili nel testo.

Un fenomeno che caratterizza questa parlata è certamente il condizionamento da /u/ pretonica, provocato dalla vocale -u(-) atona che nel dialetto in questione è sempre indebolita ë /ə/, come ad esempio nella forma lë tuimbë [lə ˈtwimbə] ‘il tempo’, dove la -U etimologica presente nel dimostrativo ILLU, dal quale l’articolo dialettale deriva, prima di indebolirsi in vocale muta ë /ə/ avrà provocato il condizionamento, proiettando la -/u/- in una delle sillabe seguenti.

In alcuni casi, tuttavia, il condizionamento provoca un cambiamento del timbro della A accentata, che assume un’articolazione di tipo velare å /ɑ/, cioè tendente alla vocale /o/, come nel caso della parola schënzå [skənˈʣɑ] ‘infastidire’, alla cui origine si deve supporre una base etimologica *scunzà *[skunˈʣa].

È interessante notare, inoltre, gli esiti delle vocali accentate latine Ī ed Ū che producono dei particolari fonemi detti vocoidi, composti ciascuno da due vocali, la prima piena e la seconda non completamente realizzata, come nelle parole pré(i)më [ˈpre(i)mə] ‘prima’ e pé(u)rë [ˈpe(u)rə] ‘pure’.

Diversa, infine, è la situazione che riguarda le vocali non accentate, queste, infatti, si riducono sempre a vocale indebolita ë /ə/, sia all’interno che in fine di parola. L’unica eccezione è rappresentata dalla A che, al contrario, è sempre conservata, come nel caso dell’articolo determinativo femminile la [la]‘la’, derivante dal dimostrativo latino ILLA. Questa vocale, inoltre, si conserva in fine di parola in particolari contesti, come ad esempio nei sostantivi seguiti da aggettivi paróla méië [paˈrola ˈmejə] ‘parola mia’.

Gli elementi linguistici passati in rassegna, a cui molti altri se ne potrebbero aggiungere, non sono esclusivi della parlata stiglianese, ma si registrano anche in altre lingue lucane. Tuttavia, a rendere unica questa specifica varietà è la loro combinazione in sistema.

Francesco Villone

 

Frècasë

Quannë lu vialë du tramóndë

avía passà pa Pretòria

pë li rricchë

cu lu carrë a ssèi pënnacchië

e ppë li puvëriéddë

cu lu carrë avèrtë

cu ddóië soli cavaddë,

a Pputènza gn’èra nu scarparë

ca fatëavë indë nu purtónë

e cca, quannë a lu passaggë

tuttë nghioriénnë li ppòrtë a ddégnë

iéddë, sènza dë së fërmà nu mumèndë,

cu lu martiéddë mmana e

ccu li ssëmënzèddë mmócca, dëšía:

“Frècasë a iéddë ca së n’è ggiù!”

Ma quannë purë iéddë

s’avèza méttë inda nu diéttë

e, ppë l’ètà ca tënía,

aspëttà lu còddë tòrtë,

a nu nëvórë ca vulía savé

cchi mò avía da dì,

cu nu filë dë vóša

c’anguóra tënía:

“frècasë a qquédi ca rrèstanë qquì!!!”

Vincenzo Gaetano Matassini

 

Peggio per lui

Quando il viale del tramonto

Doveva passare per via Pretoria,

per i ricchi col carro a sei pennacchi

e per i poverelli

con il carro aperto

con due soli cavalli,

a Potenza c’era un calzolaio

che lavorava in un portone

e che, quando al passaggio

tutti chiudevano le porte a legna,

senza fermarsi un momento,

con il martello in mano e

con i chiodi da calzolaio in bocca, diceva:

“Peggio per lui che è morto!”

Ma quando pure lui

Si dovette mettere in un letto

E, per l’età che aveva,

aspettare il collo storto,

a un nipote che voleva sapere

cosa ora dovesse dire,

con un filo di voce

che ancora aveva:

“Peggio per quelli che restano qui!!!”

Vincenzo Gaetano Matassini

 

La bellissima poesia di Vincenzo Matassini apre una finestra sulla Potenza antica, trattando il momento delicato della morte. Malinconica e al tempo stesso romantica è l’immagine del “viale del tramonto” che accarezza via Pretoria: Quannë lu vialë du tramóndë avía passà pa Pretòria [‘kwan:ə lu ‘vialə du tra’mondə a’via pa’s:a  pa prɛ’tɔrja] ‘quando il viale del tramonto doveva passare dalla Pretoria’; dipinge il crepuscolo della vita umana vissuto con tristezza anche dalla città, personificata nella sua via principale, nel suo cuore pulsante appunto, via Pretoria. Nei versi successivi invece viene restituita l’idea della morte come giustiziera che riporta tutti sullo stesso piano, principio cardine della celeberrima poesia a livella di Totò, del 1964. Con la morte infatti, i ricchi come i poverelli, subiscono egual sorte: pë li rricchë cu lu carrë a ssèi pënnacchië e ppë li puvëriéddë cu lu carrë avèrtë cu ddóië soli cavaddë [pə  li  ‘r:ik:ə  ku  lu  ‘kar:ə  a  ‘s:ɛi  pə’n:ak:jə  e   p:ə  li  puvə’rjed:ə  ku  lu ‘kar:ə  a’vɛrtə  ku  ‘d:ojə  ‘soli  ka’vad:ə] ‘per i ricchi con il carro a sei pennacchi e per i poverelli con il carro aperto con due soli cavalli’. Non è certo la grandezza o la bellezza del carro funebre che rende giustizia alla differenza di ceto sociale. Subito dopo l’autore delinea la figura di un noto calzolaio potentino, particolarmente insensibile all’apparenza. Egli infatti, al passaggio del corteo funebre, non smetteva di lavorare, mentre tutte le porte delle botteghe e delle case venivano chiuse in segno di lutto. Tuttavia, probabilmente, dietro all’apparente insensibilità del calzolaio si celava la paura della morte che veniva esorcizzata dalla frase: “Frècasë a iéddë ca së n’è ggiù!” [‘frɛkasə  a  ‘jed:ə  ka  sə  n_ɛ  d:ʒu] ‘povero lui che se n’è andato. Naturalmente, le precauzioni e gli scongiuri non bastano per evitare la morte che prima o poi arriva per tutti e in punto di morte il povero calzolaio, interrogato da un nipote, inverte la sua teoria: “frècasë a qquédi ca rrèstanë qquì!!!” [‘frɛkasə  a  ‘k:wedi  ka  ‘r:ɛstanə  ‘k:wi] . Chissà, forse il povero calzolaio la pensava come Alessandro Morandotti, che scriveva: “L’orrendo della morte è il suo cerimoniale. Quanto più bello sarebbe andarsene al cimitero da soli, a piedi”.

La poesia è scritta in un dialetto arcaico che fa registrare la conservazione dei peculiari tratti galloitalici della lingua potentina. La lenizione dell’occlusiva bilabiale sorda intervocalica (-P- > -v-) si registra nei termini: avèrtë [a’vɛrtə] ‘aperto’, savé [sa’ve] ‘sapere’, nëvórë [nə’vorə] ‘nipote’, quest’ultima parola fa registrare anche lenizione dell’occlusiva dentale sorda intervocalica che poi subisce rotacismo (-T- > -d- > -r-). La lenizione dell’occlusiva velare sorda intervocalica (-K- > -ɣ- / ø) si registra nel termine: fatëavë [fatə’avə] ‘faticava’. Tipico del dialetto potentino è l’esito L-> d- che si registra nelle forme: li ppòrtë a ddégnë

  • ‘le porte di legno’, diéttë [‘djet:ə] ‘letto’. Nel testo si registra anche il peculiare esito galloitalico del participio passato in forma apocopata: së n’è ggiù [sə n_ɛ d:ʒu] ‘se n’è andato’. Il dialetto potentino, come detto, fa parte dei dialetti galloitalici di Basilicata, lingue giunte qui con l’arrivo di genti provenienti dall’area liguro-piemontese. Gli studi più recenti sostengono la tesi di una tappa intermedia dei coloni nell’area siciliana, testimoniata da alcuni esiti come la pronuncia rafforzata della /r/ in posizione iniziale. Questo esito si registra nel testo, nei termini: rricchë [‘r:ik:ə] ‘ricchi’ , rrèstanë [r:ɛ’stanə] ‘restano’.

    Potito Paccione

     

     

    Condividi

    Sull' Autore

    Avatar

    Lascia un Commento