CARLO DI GERONIMO TRIONFA AL “BENZI”, IL TEMPIO DEL CONTRABBASSO

0

Carlo Di Geronimo è il vincitore della XII edizione del concorso nazionale di esecuzione musicale per contrabbasso “Werther-Emilio Benzi”, che si tiene ogni due anni presso il conservatorio “Antonio Vivaldi ” di Alessandria. Potentino, classe 2001, studia al liceo musicale “Walter Gropius”, sotto la guida del m° Bruno Pace e al conservatorio “Gesualdo da Venosa” di Potenza, nella classe del m° Alessandro Mariani. Contemporaneamente segue i corsi di perfezionamento presso la scuola di musica di Fiesole tenuti dal m° Alberto Bocini.

Carlo suona il contrabbasso da appena due anni e mezzo. Ha appreso i primi rudimenti dal padre, violinista, ed ha iniziato a studiare seriamente al liceo musicale dove frequenta il III anno. L’anno scorso ha sostenuto l’esame di ammissione in conservatorio ed è stato ammesso al corso di laurea di I livello in Contrabbasso con il massimo dei voti e con 3 anni di anticipo rispetto al percorso ordinario “per particolari attitudini”. Prima della vittoria al “Benzi”: il concorso per contrabbasso più importante d’Italia, che ha “laureato” in passato concertisti di chiara fama, come per esempio, il m°Francesco Siracusa, attuale 1° contrabbasso del Teatro alla Scala di Milano, Carlo aveva ottenuto 2 primi premi e un secondo premio in altri concorsi. Alcuni mesi fa ha tenuto il suo primo concerto a Potenza presso il circolo “Gocce d’autore” in duo con il m°Nicola Iannielli.

 

 

 

 

https://www.youtube.com/channel/UC7WkTGrsb4EIkEQ0WSEo2gg

 

 

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento