Castrocucco ha sopportato 123 mm di pioggia! Fosse stata Potenza!!

0

Qui sotto portiamo in lettura  il report che la protezione civile ha emesso, due giorni dopo il nubifragio che si è abbattuto sul lagonegrese , lambendo appena gli altri centri, Potenza compresa, dove la quantità di pioggia non è risultata particolarmente elevata, anche se gli effetti si sono visti in una difficoltà di circolazione su molti tratti. Tratti che  conosciamo tutti e che riguardano alcuni sottopassi e ,sopratutto il rione Gallitello, la lunga strada che costeggia il vecchio torrente e che, qui come a Livorno a genova e in tanti altri posti, è diventata zona privilegiata per insediarvi costruzioni su costruzioni. Regolarmente autorizzate dalle autorità interessate, magari con qualche piccola prescrizione precauzionale che serviva a far capire che la pratica era stata esaminata per bene. Sta di fatto che se oggi, come ieri, è andata bene, ci potrà essere un giorno che avremo a che fare con negozi allagati , costoni franati e speriamo non altro, perchè l’insediamento ( a cominciare dal supemercato Iperfutura) è esattamente nella zona che prima era considerata di espansione del torrente Gallitello.  Su questa parte di territorio occorre intervenire con un progetto idrogeologico che recuperi aree di espansione più a Nord e che consenta di scaricare acque nel Basento con minori ostacoli possibili.  Così come occorre verificare la sponda destra scendendo, dove il cemento si appresta a farsi vedere e dove ci sono casupole che in caso di un nubifragio  eccezionale, sarebbero colpite in maniera importante.

 

il comunicato della protezione civile
Il fenomeno può ritenersi il più severo dell’anno. Più colpita la parte occidentale della regione.
L’evento pluviometrico del 10 e 11 settembre, anche in considerazione del lungo periodo di siccità che lo ha preceduto, si può sicuramente ritenere, per i quantitativi di pioggia caduta, per la durata delle precipitazioni e per l’estensione del territorio interessato il più severo dell’anno.
E’ quanto si evince dal report diffuso dalla Protezione civile regionale.
Il fenomeno meteorologico ha avuto due distinte fasi. La prima, durante la serata del 10 settembre con l’innesco di temporali, notevole attività elettrica e precipitazioni più intense che durature. La seconda fase, cominciata dalle prime ore del giorno successivo, è durata l’intera giornata. Durante tale arco di ore, il fronte freddo ha attraversato lentamente la Basilicata. Si è ridotta l’attività elettrica ma le precipitazioni sono state intense e persistenti. Rilevanti i quantitativi di pioggia misurati nelle stazioni pluviometriche di Castrocucco (123 mm), Lagonegro (105 mm), Brienza (90 mm), Marsico Nuovo (89 mm).  La perturbazione proveniente da Ovest ha avuto minore impatto sui territori protetti dal  massiccio del Pollino e dalla  Catena appenninica del Materano.
A causa delle perturbazioni, sono stati segnalati difficoltà nella circolazione stradale nei centri urbani del Vulture Melfese, mareggiate nel Metapontino, soprattutto a Scanzano Jonico, e allagamenti nei capoluoghi di Matera e Potenza. A Lauria, infine, sono intervenuti i vigili del fuoco per caduta di massi in contrada Cesinella, dove si è tenuto un sopralluogo congiunto con Vigili del fuoco, ufficio tecnico del Comune di Lauria e Ufficio Difesa del Suolo della Regione Basilicata.

E’ allegato il report della Protezione civile.

evento Settembre 2017 1Rev.1

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi