CI PENSA FRANCA A REGALARE I TRE PUNTI AL POTENZA

0

rocco sabatella

Ciccio Dettori è stato facile profeta quando venerdi scorso ha detto che la partita con il Rieti sarebbe stata difficile, complicata e sporca. Non ci si doveva aspettare spettacolo in campo, ma il Potenza avrebbe dovuto avere pazienza per arrivare al successo. Fotografia esatta di quello che poi si è realmente verificato in campo. Il Rieti ha fatto capire, fin dall’inizio, le sue intenzioni. Grande intensità e aggressività in tutte le zone del campo, chiusura di tutti gli spazi nella sua linea difensiva al Potenza, ben otto giocatori a presidiare la propria area e quando si presentava l’occasione anche la possibilità di ripartire per cercare di far male al Potenza. L’ex di turno Ezio Capuano aveva preparato la partita nei minimi particolari per uscire dal Viviani con un risultato positivo. E la squadra laziale per 87 minuti aveva fatto per intero il suo dovere accarezzando l’idea di riuscire a conservare la propria porta imbattuta. Ma non aveva fatto i conti con la variabile rappresentata dai due sudamericani del Potenza che già l’anno scorso di queste giocate decisive ne avevano confezionato in quantità industriale. Stiamo parlando di Guaita e di Franca che ci hanno creduto fino in fondo e sono riusciti a scardinare il bunker predisposto da Capuano. Mancavano tre minuti al novantesimo quando Guaita si è involato sulla destra, il suo marchio di fabbrica, e ha messo un cross sul secondo palo dove c’era puntuale Carlos Franca ad aspettarlo: solito terzo tempo del bomber brasiliano e palla che si va a infilare sul palo lontano dove il portiere del Rieti Marcone non può assolutamente arrivare. Franca arriva al suo decimo gol personale e fa esplodere gli oltre 3000 spettatori presenti al Viviani che forse non credevano più alla vittoria. Potete immaginare che cosa si è scatenato in campo per il gol liberazione di Franca che è stato letteralmente affossato dall’abbraccio di tutti i suoi compagni. A testimoniare quanto tutto l’ambiente rossoblù, dal presidente Caiata al tecnico Raffaele e ai giocatori ci tenesse a cominciare nel migliore dei modi questo trittico di gare consecutive in casa che possono definitivamente lanciare il Potenza verso i quartieri molto alti della classifica. Alla fine della gara la soddisfazione per questi tre punti conquistati in extremis si poteva tagliare a fette. Eppure venire a capo del Rieti non è stato proprio un’ impresa agevole e facile. Vuoi per i meriti degli avversari che stavano facendo per intero il loro dovere, vuoi per le difficoltà che il Potenza stava incontrando per riuscire a penetrare nell’organizzato pacchetto difensivo predisposto da Capuano. E per questo abbiamo assistito ad una gara senza tante occasioni da gol, molto fisica, con ritmi non proprio elevati. Il Potenza si schierato con il 3/5/2 affiancando a Franca il giovane Longo e pur attaccando con continuità non ha mai prestato il fianco alle possibili ripartenze del Rieti. Per cui nel primo tempo c’è stata la supremazia territoriale dei rossoblù, ma solo un paio di conclusioni verso la porta del Rieti con Ricci e Sepe e una punizione di Emerson debole e parata con facilità da Marcone. Nelle poche volte in cui i laziali sono venuti avanti, Carpani e Gondo hanno tentato di spaventare Breza senza successo. Più intraprendente l’inizio di ripresa del Potenza che dopo 12 minuti ha avuto una grande opportunità con Ricci che ha tirato a colpo sicuro ma un difensore del Rieti si è immolato salvando il portiere Marcone. Poi Raffaele ha cominciato il valzer delle sostituzioni per aumentare la batteria degli attaccanti e per conferire più fisicità sul fronte offensivo. Ma il Rieti non si è scomposto e ha continuato a difendersi con ordine consentendo al Potenza solo palle inattive sulle quali si è cimentato Franca prima colpendo nell’area avversaria un compagno e poi impegnando il portiere del Rieti. A quel punto serviva un’invenzione per sbloccare la partita avviata alla parità. E dell’incombenza si sono occupati due giocatori che si conoscono a memoria e che, grazie alle loro caratteristiche, potevano essere in grado di far saltare il banco laziale. Guaita la mente e Franca il braccio armato hanno regalato tre punti d’oro. Che sono importanti per la classifica ma che regalano ulteriore autostima e certezze alla squadra di Raffaele che continua la sua striscia di imbattibilità in campionato iniziata nella gara di Monopoli. E che Giosa e compagni hanno tutta l’intenzione di continuare sia nel recupero di mercoledi 20 marzo con la Sicula Leonzio che la domenica successiva contro il Bisceglie. Gare da giocare tutte al Viviani. Intanto domenica tre punti arrivano a tavolino per l’esclusione del Matera e Potenza che potrà preparare al meglio la gara con la Sicula Leonzio.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento