CONFERITE A POTENZA DIECI STELLE AL MERITO DEL LAVORO

0

Giovanni Benedetto

Sono 10 i lavoratori lucani delle due province che ieri, nel giorno della Festa del Lavoro, hanno ricevuto la «Stella al Merito» nel corso di un cerimonia organizzata dalla prefettura di Potenza nel teatro Stabile del capoluogo in collaborazione con il Consolato regionale della Federazione dei maestri del lavoro.
È la prima cerimonia pubblica del primo maggio dopo la sospensione per causa pandemia.
L’onorificenza, conferita tradizionalmente il Primo Maggio dal Presidente della Repubblica, su proposta del ministro del Lavoro e delle politiche sociali, premia i lavoratori dipendenti che abbiano prestato attività lavorativa ininterrottamente per un periodo minimo di almeno 25 anni alle dipendenze della stessa azienda o di 30 anni alle dipendenze di aziende diverse e che abbiano spiccato per peculiari meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale.

Hanno presidiato alla cerimonia le maggiori autorità civili e militari, i due prefetti di Potenza e Matera e il presidente della regione Bardi.
Parole di elogio sono state rivolte ai neo maestri del lavoro per avere dato prova di valore e di attaccamento all’azienda.
Hanno espresso profonda gratitudine per l’esempio che i lavoratori prescelti rappresentano e per l’impegno che metteranno nel dare nuovo sprone ai giovani.

Tutti gli intervenuti sul palco hanno esaltato l’importanza del lavoro  per l’alta funzione sociale che la nostra costituzione gli attribuisce anche ai fini della tenuta democratica e dello sviluppo della personalità, la salvaguardia della dignità dei singoli lavoratori e dell’unità e del progresso della Nazione.
Allo stesso tempo hanno toccato inoltre tutti i temi che affliggono la società odierna per la disoccupazione e l’emigrazione giovanile, lo sfruttamento, il lavoro precario e i posti di lavoro che si perdono periodicamente.
Un grido d’allarme è stato posto per il dramma delle morti bianche e degli infortuni invalidanti che ancora oggi, dopo i passi compiuti per intensificare la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, continuano a riempire le cronache dei giornali.

Gli insigniti con le ” Stelle al merito del lavoro” sono:

Roberto Battista, Anna Rosa Civita e Carmelina Potenza di Potenza;Pierina Sabia di Avigliano; Pietro Di Lascio di Lauria, Benito Recine di Rionero, Enrico Tramitola di Tito, Antonio Notarfrancesco di Paterno; Emanuele Gaudiano di Matera e Francesco Violante di Nova Siri.

 

 

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Rispondi