DA LUNEDI’ TUTTE OPERATIVE LE SQUADRE COVID

0

L’intervento della Magistratura sul caso della morte del blogger Antonio Nicastro non solo è un atto fondamentale per incamminarsi verso la verità, ma è anche un forte messaggio alle istituzioni sanitarie: l’emergenza non giustifica errori o sottovalutazione e se per imperizia o fretta o superficialità msi è causata la morte di una persona, la Magistratura non si ferma. All’esame di carabinieri, che hanno sequestrato la salma in attesa di accertamenti peritali,non solo c’è la sfilza di messaggi di richiesta di aiuto lanciati da Nicastro e dalla sua famiglia, ma c’è anche la storia di una corsa in ospedale terminata con la diagnosi di influenza senza aver neanche fatto un esame al torace. Il ritorno a casa in quelle condizioni ha determinato l’aggravamento e il ritorno in ospedale quando il tempo era praticamente scaduto. Dicevo che il nervo scoperto è il funzionamento delle squadre Covid-19 sul territorio. Ne sono state fatte dieci, qualcuna è già partita, qualche altra ( Lauria ci dicono) ha difficoltà a partire. Da lunedì comunque tutte operative, tutti munite dei dispositivi di sicurezza e tutte munite di un vademecum di comportamento per quanto riguarda il trattamento. A livello regionale si sta mettendo su anche una piattaforma digitale per raccogliere le segnalazioni che ogni squadra farà su un numero privato e per registrare ufficialmente la richiesta di tampone per questo o quel soggetto. Con questo sistema di accentramento delle decisioni, sarà difficile che si giochi ancora a passarsi la palla tra una entità istituzionale ed un’altra. La richiesta di attivazione delle squadre viene fatta dai medici di famiglia e ,in mancanza, dalla direzione sanitaria. Quanto alla somministrazione dei medicinali, sono previsti quelli da protocollo, che si trovano anche nelle farmacie territoriali, ed è disponibili, all’occorrenza anche lo strumento per misurare l’ossigeno. Quelli sperimentali  non vengono disposti dal primo livello di soccorso domiciliare ma sono in relazione alla complessità del quadro clinico e quindi al secondo livello di intervento. Insomma ci sono voluti dieci giorni per mettere in piedi un servizio,gli stessi che altrove sono stati spesi per costruire un padiglione d’ospedale. Comunque , non fosse per il tributo di vite pagate a questo ritardo, dovremmo dire che finalmente il pachiderma si è mosso e c’è da augurarsi soltanto che il servizio funzioni per tanta altra gente che rischia di trovarsi nelle stesse difficoltà. Sulla gravità dei disservizi  registrati affidiamoci alla Magistratura, sul resto occhi aperti. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento