DIECIMILA CINGHIALI ABBATTUTI IN UN ANNO

0

Non sono 2500 i cinghiali abbattuti nel 2017 in regione ma quasi diecimila. Lo puntualizza l’assessore Braia in risposta alla nota che Coldiretti prima e poi ugl hanno emanato sull’insufficienza della politica di abbattimento. Braia addebita diplomaticamente l’errore ad una lettura sbagliata dei dati e riprende la nota ufficiale della reigone per dire che  non devono confondere i due tipi di caccia al cinghiale, quella fatta in attività venatoria e quella fatta specificamente per la selezione  e l’abbattimento dei capi. Sono circa 10000 i cinghiali complessivamente abbattuti in attività venatoria e di controllo, in Basilicata nell’anno 2017. Peraltro, il dato di circa 9400 abbattimenti era stato fornito nei giorni scorsi. Non possono certamente essere diminuiti a 2500 i cinghiali abbattuti, come erroneamente riportato dal comunicato della Coldiretti e da UGL. Lo rende noto l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia. “La comunicazione ufficiale dei numeri dell’attività venatoria 2017 è stata fornita ufficialmente questa mattina dai 5 AATTCC regionali, nel corso di un incontro convocato per definire le modalità operative di applicazione del Piano di abbattimento selettivo e controllo. Probabilmente non è stato correttamente interpretato il dato fornito da questoDipartimento relativamente all’approvazione del “Piano di abbattimento selettivo e controllo della specie cinghiale 2018-2020”, che ha già avuto parere favorevole da Ispra e del ”Disciplinare per la caccia di selezione”, con la previsione per il 2018.  In dettaglio, e per amore di precisione, i 10000 cinghiali abbattuti  in attività venatoria nell’anno 2017 sono così ripartiti: circa 9160, contro i 7801 capi del 2016. Nel 2017, inoltre, in attività di selecontrollo sono stati abbattuti 782 cinghiali, nei 600 siti di prelievo posizionati sul territorio a caccia programmata. Un dato emblematico rispetto ai 150 del 2016, pari ad un aumento di oltre il 502% in attività di controllo.  Abbiamo ora reso possibile, oltre ai 3 mesi del Calendario Venatorio 2018, l’applicazione di tutte le metodologie consentite dalla norma e creato le condizioni per abbattere i cinghiali tutto l’anno.  Negli altri nove mesi sarà possibile abbattere i cinghiali, infatti, con attività di controllo e caccia di selezione, sia nelle aree vocate che in quelle non vocate, con appostamento e girata: di conseguenza abbiamo autorizzato e previsto il prelievo di 2.500 capi nel periodo marzo-dicembre 2018 e di almeno 4500 nel triennio 2018-2020.  Al termine dell’incontro gli AATTCC hanno definito di concludere l’iter per la realizzazione delle attività operative previste dal piano, per partire sia in attività ordinaria che straordinaria.  L’incontro previsto mercoledì con le Associazioni di Categoria sarà anche occasione per fornire tutti gli ulteriori dettagli e le azioni messe in campo, previste da norma nazionale e regionale.”

 

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento