Domenica test al Viviani contro l’Altamura

0

 

Giovanni Benedetto

 

Il Potenza rientra dal riposo di ferragosto per concentrarsi al clima partita che si terrà il 25 agosto contro i falchetti della Casertana.
Domenica alle 18 per mettere nei muscoli l’energia per giocare i 90 minuti di partita, affronterà in casa alle 18, l’Altamura squadra di serie D.
L’ingresso sarà gratuito.
Raffaele proverà a mandare in campo gli uomini che gli danno più fiducia nella interpretazione del modulo di gioco preferito: il 3-4-3.
La rosa è ampia e avrà molte soluzioni per provare nei vari reparti gli uomini adatti e più in forma da schierare poi domenica 25 agosto all’esordio contro la Casertana.
Rimane in sospeso il problema della punta.
Raffaele, anche contro il Pisa, ha rimarcato la mancanza di un calciatore di peso al centro dell’attacco: a parte Murano, gli altri attaccanti sono esterni o mezze punte che non possono sostituire il classico numero 9 se non in condizioni di emergenza.
Il tecnico sta provando Murano per verificare la tenuta e la forma ma finora non ha avuto dei segnali soddisfacenti . Proprio in questi giorni si continua a parlare di come riempire il vuoto dopo gli infortuni di Franca e Juvic.
Una delle soluzioni potrebbe essere quella di cedere Murano e Soure e cercare una punta già’ pronta da mandare in campo: sono soluzioni al vaglio della società la quale anche in vista di un mercato avaro di attaccanti si sta muovendo con i piedi di piombo.
A proposito di voci di mercato, Jacopo Murano con un post, ha voluto fermamente smentire voci secondo le quali riportavano una sua intenzione di andare via dal Potenza: la sua volontà è quella di rimanere in casa rossoblù.
Sul fronte abbonamenti siamo intorno ai 1250 abbonati, al di sotto dei 1638 dello scorso anno, la campagna si chiude il 22 per consentire ai ritardatari di non fare mancare il loro appoggio.
Altre società di città più grandi della nostra per favorire l’affluenza di pubblico hanno abbassato i prezzi, a Potenza non si può scendere sotto un certo importo considerato il limite di capienza non superiore ai 4700 spettatori.

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Lascia un Commento