DOP E IGP , CRESCE IL MEZZOGIORNO. LA BASILICATA ARRIVA A 10

0

 

 Nel 2017 si rafforza il trend di crescita dei prodotti agroalimentari di qualità nelle sue diverse componenti (produttori, trasformatori, superfici e numero di prodotti riconosciuti); solo gli allevamenti sono in leggero calo.
 Il numero di produttori Dop, Igp e Stg aumenta, rispetto al 2016, dell’1,8% sintesi del persistente calo registrato al Nord (-2,8%) e di un consistente aumento rilevato nel Mezzogiorno (+7,3%) e, in misura più lieve, al Centro (+1,4%). Cresce considerevolmente il numero dei trasformatori (+7,6%); l’aumento è maggiore nel Mezzogiorno (+11,5%) e al Centro (+8,4%). Pur essendo presenti su tutto il territorio nazionale, i produttori risultano fortemente concentrati in alcune aree; oltre la metà (50,9%) è localizzata in tre regioni: Sardegna, Toscana, e Trentino-Alto Adige, con un peso pari, rispettivamente, a 20,5%, 16,1% e a 14,3% del totale nazionale. Tali concentrazioni dipendono dall’esistenza di produzioni regionali di pregio molto diffuse e attive da prima del conseguimento dei rispettivi riconoscimenti Dop e Igp. Lombardia, Sicilia ed Emilia- Romagna comprendono il 18,5% dei produttori mentre il restante 30,6% è distribuito nelle rimanenti 14 regioni. In particolare, in Trentino-Alto Adige prevale nettamente il settore frutticolo, in Toscana l’olivicolo e in Sardegna il lattiero-caseario.

Circa la metà dei trasformatori (48%) opera in quattro regioni del Centro-nord: Emilia-Romagna (18,6%), Toscana (16%), Veneto (7,4%) e Lombardia (6%). In Emilia-Romagna e Lombardia prevalgono i trasformatori di prosciutti e insaccati (macellatori, elaboratori e porzionatori), in Toscana gli operatori oleari (molitori e imbottigliatori) e in Veneto i confezionatori ortofrutticoli. A livello regionale, i maggiori incrementi si segnalano in Sicilia (+750 produttori, +21%; +8,3 mila ettari, +36,2%; trasformatori +106, +22,4% e impianti di trasformazione +193, +32,7%) Puglia (+465 produttori, +14,4%; +8,7mila ettari, +26,4%), Emilia-Romagna (+11mila ettari; +115,4%) e  Veneto (+104 trasformatori; +21,1%).

Gli allevamenti sono particolarmente concentrati in Sardegna ( 41,1% delle strutture), Lombardia (13,1%), Emilia-Romagna (9,8%) e Veneto (6,6%), ossia nelle aree geografiche del Paese storicamente specializzate nell’allevamento suinicolo e nella produzione lattiero -casearia di qualità.

La superficie interessata alle Dop e Igp, investita principalmente a ortofrutta e olivo, è concentrata in tre regioni: Toscana (30,3%), Puglia (17,8%) e Sicilia (13,3%), seguono Trentino-Alto Adige (9,3%), Emilia-Romagna (8,8) e Calabria (5,6%). In particolare, si conferma la netta prevalenza della melicoltura in Trentino-Alto Adige, dell’olivicoltura da olio in Toscana, Puglia e Sicilia e dell’ortofrutta in Sicilia ed Emilia-Romagna. Le specialità Dop e Igp riconosciute dall’Ue sono ampiamente diffuse sul territorio3. La ripartizione con più prodotti Dop e Igp è il Mezzogiorno che comprende 114 riconoscimenti, pari al 38,9% dei prodotti italiani (Stg escluse) riconosciuti dell’Ue 

Alcune regioni sono particolarmente ricche di Dop e Igp4; in Emilia-Romagna e Veneto i prodotti riconosciuti sono rispettivamente 45 e 38. Nel Nord spiccano anche Lombardia e Piemonte con 35 e 24 specialità, mentre la Valle d’Aosta dispone di soli quattro riconoscimenti.

Nel Centro, la maggiore consistenza di denominazioni si rileva in Toscana e Lazio, rispettivamente con 31 e 28 specialità. Nel Mezzogiorno le regioni con più riconoscimenti sono la Sicilia con 30 prodotti e la Campania con 23, seguono Puglia e Calabria, rispettivamente, con 20 e 18 prodotti. La Basilicata ne ha dieci,  uno in più dell’anno prima

 

PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ DOP E IGP RICONOSCIUTI DALL’UE PER REGIONE

 Al 31 dicembre 2017

REGIONI                                              DOP                                         IGP                        TOTALE (a) (b) (c)       

2016         2017       Variaz.      2016       2017      Var.    2016          2017      variaz

Piemonte 13 14 1 9 10 1 22 24 2
Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste 4 4 4 4
Lombardia 21 21 14 14 35 35
Liguria 3 3 3 4 1 6 7 1
Trentino Alto Adige (d) 9 9 5 5 14 14
Bolzano 3 3 2 2 5 5
Trento 8 8 3 3 11 11
Veneto 19 19 19 19 38 38
Friuli – Venezia Giulia 5 5 1 1 6 6
Emilia-Romagna 20 20 25 25 45 45
Toscana 16 16 15 15 31 31
Umbria 4 4 5 5 9 9
Marche 6 6 7 8 1 13 14 1
Lazio 16 16 12 12 28 28
Abruzzo 6 6 4 4 10 10
Molise 5 5 1 1 6 6
Campania 14 14 9 9   23 23
Puglia 12 12 7 8 1 19 20 1
Basilicata 5 5 4 5 1 9 10 1
Calabria 12 12 6 6 18 18
Sicilia 17 17 13 13 30 30
Sardegna 6 6 2 2 8 8
                   
Nord-ovest 36 37 1 21 23 2 57 60 3
Nord-est 42 42 43 43 85 85
Centro 36 36 28 29 1 64 65 1
Mezzogiorno 68 68 44 46 2 112 114 2
Italia 166 167 1 123 126 5 289 293 6
  • Il territorio di un prodotto riconosciuto può comprendere una o più regioni e una o più
  • Per ciascuna preparazione di carne, si considerano solamente le regioni, indicate nei relativi Disciplinari di produzione, ove si realizza la trasformazione della materia prima in prodotti
  • Le Stg non sono considerate in quanto non legate a un determinato
  • Due prodotti riconosciuti sia per Trento che per Bolzano si considerano una sola volta nel calcolo dei prodotti per il Trentino Alto Adige

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento