DOV’E’ LA SINISTRA? BUBBICO SVEGLIA LE COSCIENZE

0

Filippo Bubbico non ha bisogno di notorietà, e quella sua intervista rilasciata al Quotidiano non era un modo per attestare la propria esistenza politica. Lontano ai social, non cerca like,né consensi, né tantomeno si inserisce nella scia di quelli che amano parlare delle cose fatte e dei bei tempi che furono. Prende la parola per suonare la sveglia ad un mondo che sembra addormentato o che fatica a stare in piedi, annichilito da un vento di destra che ha scosso il Paese e che è arrivato fino ai suoi territori più interni. Non è un problema di partito quello che preoccupa Bubbico, ma un problema di forze proattive per lo sviluppo della comunità e quindi un problema politico di contrapposizione , di contrasto e di confronto con una maggioranza regionale che non ha contezza di quello che bisogna fare e si muove sull’unico binario che conosce, e cioè l’occupazione del potere e la colpa a quelli che c’erano prima. E’ tranciante quando parla del vertice regionale come di gente venuta da fuori ad amministrare territori che non conoscono,così come è impietoso il giudizio su questo primo anno di attività, senza un’idea complessiva di sviluppo, senza un quadro certo di priorità, incollati all’agenda del giorno per giorno. Insomma tutte chiacchiere e distintivo. Eppure lo sconcerto di una persona di grande spessore politico nasce proprio dalla constatazione che la sinistra sembra essersi addormentata. Incapace di reagire, se ne sta in silenzio aspettando che una soluzione arrivi dall’alto, senza contatti, senza intese, senza tentativi di mettersi insieme. Il Pd lucano che aspetta che Zingaretti si svegli  per dire in quale direzione andare, Zingaretti che aspetta che Conte gli porti i cinque stelle belli e pronti per una nuova coalizione di centrosinistra, la sinistra che si ostina a rimanere frammentata in tante anime. E Renzi che ogni giorno minaccia di sbattere la porta , ma che è sempre lì a tenerla aperta.  Il tema dunque che Bubbico pone è come organizzare una forte presenza politica di opposizione in una regione che sta vivendo una profonda debolezza istituzionale, con una classe dirigente che non riesce a masticare i problemi, con le incognite di una ripresa squilibrata del Paese, con un  governo regionale che non riesce ad andare al di là delle gestione degli affari correnti, e che sta perdendo appeal tra le forze che finora hanno fatto carte false per realizzare questa alternativa politica.  Un sasso nello stagno, che però è più limaccioso del previsto, se si tiene conto del silenzio che , nella sfera politica lucana, ha circondato l’uscita del leader lucano. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi