IL CALCIO GIOVANILE LUCANO

0

 

 

 

La funzione dell’allenatore nei settori giovanili.

                                                                                                                                                                               

Vittorio  Basentini

Mercoledì scorso, leggendo un quotidiano molto diffuso nella nostra città, sono stato colpito da un articolo riportante alcune considerazioni sul Torneo delle Regioni del calcio giovanile, giocato a fine marzo in Abruzzo-TdR 2018-.

 

 

 

 

 

Antonio Panariello allenatore Allievi F.I.G.C. Basilicata ed il Prof.A.Santarsiero, preparatore atletico Rapp.Basilicata

In tale articolo, ovvero in tale nota riportata da un componente dell’organizzazione F.I.G.C. al seguito della Rappresentativa Regionale Basilicata partecipante al TDR 2018, viene rimarcato il fatto che è stato bello vedere adulti e ragazzi impegnati a dare il massimo per onorare calcisticamente il nome della nostra Regione.

Infatti nell’organizzazione federale regionale si è percepito l’amore che ogni componente della rappresentativa ha dato subordinatamente per il proprio ruolo svolto a supporto dei tecnici federali delle rispettive categorie (Borneo, Panariello, Manniello ed il Prof.Andrea Santarsiero come preparatore atletico); si è respirato un’aria stracolma di affetto di tutti verso tutti, uniti in quel senso di gruppo che solo lo sport collettivo e la vera e sincera solidarietà umana sanno creare.

 

Il Seminatore d’Oro 2018 M.Allegri ai tempi della scuola calcio a Livorno

I nostri ragazzi sono stati seguiti da allenator-padri in ogni momento di questa avventura, dalla colazione fino al momento di andare a letto con le raccomandazioni di rito, di essere se’ stessi e di non mangiare la cioccolata.

Che dire?

Personalmente ho seguito in Tv le partite della nostra rappresentativa allievi e juniores e devo dire che, tutto sommato, i nostri ragazzi non hanno per niente sfigurato, anche se nei risultati delle partite non sono stati diciamo positivi.

Abbiamo avuto notizia che si sono riscontrati bei gesti e sani comportamenti e questo pone bene, è giusto che se ne parli, perché danno sicurezza ai genitori e li rendono consapevoli che nello sport vi sono momenti altamente formativi attraverso le azioni vissute.

Riguardo al Torneo delle Regioni mi viene in mente un particolare vissuto personalmente due anni fa al TDR 2016 giocato in Calabria, dove mio figlio ha partecipato come allievo della Rappresentativa Basilicata, e che non dimenticherò mai.

Bene, ricordo che nella partita inaugurale del torneo giocata a Catanzaro il 01.06.2016 fra Rapp.Calabria Allievi e Rapp.Basilicata Allievi , nel corso della partita ,nel primo tempo, un genitore di un atleta calabrese entrò sul terreno di gioco protestando verso l’arbitro, perché, a suo parere, il direttore di gara aveva fischiato un fallo inesistente commesso dal figlio e nella discussione, platealmente impostata al centro del campo con l’arbitro, nella incredulità generale degli spettatori, questo signore spinse l’arbitro con le braccia.

La partita venne naturalmente sospesa dall’arbitro, il quale decretò, con i tre fischi, la fine della partita e vittoria a tavolino della rappresentativa lucana.

Dopo concitate proteste degli spettatori ed a seguito di accordi fra le delegazioni dei due comitati regionali di calcio presenti alla gara, la partita venne ripresa dopo circa 30 minuti ed alla fine la Calabria vinse la partita per 1-0 , dopo aver sbagliato anche un calcio di rigore.

Una riflessione su tutto ciò: posso capire fino ad un certo punto lo spirito agonistico, il sano spirito agonistico, ma come genitori abbiamo il compito di far divertire i nostri figli e non esasperarli forzatamente a tal punto.

Naturalmente se effettivamente esistono valori sportivi superiori alla media, alla fine emergeranno agli occhi di tutti.

Anche per gli allenatori alcune riflessioni, ma mi riferisco solamente a taluni di essi che a volte hanno atteggiamenti non regolari:

 

 

L’attore Lino Banfi nel film “l’allenatore nel pallone” e gli allenatori Zidane ed Ancelotti in atteggiamenti diversi

L’allenatore, così come l’insegnante scolastico, non può limitarsi a trasmettere esclusivamente concetti tecnici o didattici, perché quando si entra in un rapporto significativo con bambini e ragazzi si sta contemporaneamente educando.

Un tema molto importante, nella funzione di un allenatore in genere, è la comunicazione con i ragazzi, ovvero con i propri giocatori; la comunicazione diventa un fattore fondamentale, fondamentale come si comunica o anche più di cio’ che si comunica.

Il successo di un allenatore dei settori giovanili non è un trofeo o un piazzamento in classifica, bensì è sicuramente la serenità, lo sviluppo e l’incremento delle capacità dell’atleta e del gruppo attraverso lo sport.

L’allenatore deve porre l’attenzione in maniera assoluta sugli aspetti psicologici e pedagogici della pratica sportiva giovanile, inculcando la giusta motivazione per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

In fondo l’affermazione classica “per imparare, a scuola, si deve stare bene” può essere riportata anche in un contesto sportivo, senza dimenticare che quando i bambini o i ragazzi si divertono tendono ad impegnarsi di più e con più naturalezza.

“Lo sport deve essere divertimento per i ragazzi, diversamente non vale più”.

E’ molto importante questo concetto.

Concludo ribadendo che, al di là dei risultati, bisogna dare risalto ai valori di vita da offrire ai nostri ragazzi.

Bene. Di questo ha bisogno la nostra società.

Saluti a tutti.

Vittorio Basentini

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento