“Il mondo di Federico II”, audizione in seconda e quarta Ccp

0

redazione

“Consentire la fruizione degli spazi dedicati al museo narrante ‘Il mondo di Federico II’ presso il castello di Lagopesole a partire dal prossimo primo maggio e proseguire nel percorso burocratico per il trasferimento della proprietà del maniero dal patrimonio dello Stato a quello regionale”. E’ l’auspicio e l’invito del presidente della seconda Commissione consiliare, Giannino Romaniello rivolto al sindaco di Avigliano, Vito Summa, al dirigente generale del dipartimento Programmazione, Elio Manti e al commissario liquidatore della Comunità montana Alto Basento, Vincenzo Paolino auditi, questa mattina, dalla seconda e quarta Commissione consiliare, riunite in seduta congiunta.

A parere del presidente Romaniello “la struttura dovrebbe essere gestita nel suo insieme da un’unica realtà imprenditoriale per far sì che i visitatori possano fruire, con un solo biglietto, dei due musei presenti (‘Il mondo di Federico II’ e il museo dell’Emigrazione lucana) e della visita del maniero”.

Il dirigente generale del dipartimento Programmazione, Elio Manti dopo aver comunicato la disponibilità della Regione a coprire i debiti pregressi a favore del Demanio dello Stato, circa 35 mila euro, ha posto la questione della gara che affidi ad un gestore unico i due musei e la visita del castello. “Non è stato possibile – ha precisato – recuperare la procedura di gara avviata per il museo dell’Emigrazione lucana allargandola alla gestione complessiva del castello. Confermiamo la posta finanziaria per sanare il passato con il Demanio e la disponibilità del dipartimento a trovare altre soluzioni amministrative dopo l’approvazione del bilancio”.

Il sindaco di Avigliano, Vito Summa, ha sottolineato l’importanza culturale che riveste il castello e il museo narrante per l’intera area:  “Il maniero di Federico II accoglie 30 mila visitatori l’anno e il museo – ha spiegato – in tre anni ha staccato tremila biglietti per permettere ai visitatori di compiere un viaggio nel tempo in un coinvolgente spettacolo di multivisione”.  Il Sindaco Summa, poi, dopo aver posto l’accento sul percorso di regionalizzazione avviato dal Comune di Avigliano “per recuperare un immobile di grande valenza architettonica” ha auspicato “l’insediamento di un tavolo tecnico che acceleri gli adempimenti necessari perché – ha concluso – non possiamo affrontare un’altra stagione turistica nell’incertezza”.

Il commissario liquidatore della Comunità montana Alto Basento, Vincenzo Paolino nel precisare che “la Comunità Montana è in fase di dismissione e ha notevoli difficoltà economiche” ha  sottolineato gli sforzi compiuti dall’ente per riaprire il museo mantenendo gli impegni con le scuole provenienti dalla Puglia che avevano programmato la visita. “Abbiamo fatto piccoli interventi  di manutenzione  – ha spiegato – ma non abbiamo la capacità economica per poter gestire il museo narrante”. 

Nel dibattito sono intervenuti il consigliere Mollica che ha ricordato l’incontro svoltosi presso la presidenza del Consiglio regionale “per trovare soluzioni alla chiusura degli spazi museali”, il consigliere Galante a parere del quale “si sarebbe dovuto procedere alla revoca in autotutela della gara per il museo dell’emigrazione allargandola agli altri contenitori culturali”, il consigliere Leggieri che ha richiamato una sua interrogazione al presidente della Giunta regionale “per  conoscere le azioni che si intendono mettere in campo per rimediare ai disservizi legati alla chiusura degli spazi museali”. fonte agenzia del consiglio regionale

 

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento