DE FILIPPO ” VENGO ANCH’IO?” NO, TU NO!

0

Interrotto  per un mese il circuito relazionale tra Roma e Potenza, giusto il tempo per digerire la botta elettorale , ecco che chi è rimasto in piedi nel Pd riprende ad alzare il dito per dire la sua, che non parte mai da una ammissione autocritica , ma sempre dalla pregiudiziale che la colpa sia degli altri. Il dibattito su come andare verso le elezioni regionali, si giova oggi di un intervento romano a firma dell’On.De Filippo il quale riempie una pagina di giornale per nascondere l’unico messaggio politico di rilievo: che è quello di dire a Marcello Pittella:  se vuoi i miei voti cerca di rompere quel cerchio magico che ti si è creato intorno.  Le interpretazioni su quale fosse il cerchio magico si sono sprecate e qualche esegeta tra i più arditi ha ipotizzato anche che si trattasse di qualcosa al di là del partito. Ma la spiegazione c’è ed è nella nuova geografia che è uscita dalle elezioni, con Margiotta, Polese e Gianni Pittella che hanno preso ormai la situazione in mano e le cui decisioni già hanno interferito profondamente con l’ultima crisi del partito a livello regionale in occasione della elezione del presidente. Qui non è un mistero che Margiotta aveva suggerito Castelgrande alla Presidenza e il coinvolgimento di Valluzzi nell’esecutivo, un modo per rinforzarsi a danno esattamente del collega parlamentare. Ora che il senatore Margiotta sia diventato il numero uno dei renziani ,è cosa nota a Roma come a Potenza, come è noto il potere di cui il vero erede di Emilio Colombo gode , sia per la lunga stagione parlamentare, sia per le sue innate doti di tessitore di relazioni importanti. Fin che la barca Renzi va , lui è decisamente il punto di riferimento del Pd lucano e chi voglia bypassarlo  si trova ad uno stop costruito con paletti d’acciaio. Questo lo ha capito benissimo Polese che ha realizzato il suo triangolo decisionale con Gianni Pittella e ,appunto,Margiotta.  Da qui il messaggio di de Filippo: se non cambiamo questa figura geometrica decisionale in almeno un quadrato, cui i miei voti te li scordi, caro Marcello Pittella. E non è tutto, perchè anticipando che lui,. De Filippo, è disposto ad appoggiare Pittella  ha fatto una incursione in campo avversario, spiezzandoli di fronte al fatto che qualcuno si è già schierato pubblicamente per la riconferma di Marcello Pittella.  Al quale Governatore non glie ne sta andando bene una: era sulla cresta dell’onda come il più spericolato e coraggioso dei surfisti, quando gli è capitato il fratello tra capo e piedi e il minore ha dovuto cedere il posto al maggiore.  Poi una campagna elettorale che non è stata fatta contro il pd ma contro i Pittella’s, mettendo insieme pere e mele; infine il fatto che tutte le tensioni dei trombati e dei delusi li sta scontando come Presidente della regione, costretto a rincorrere ora uno ora l’altro. Per ultimo, nel momento in cui è Roma a decidere  rischia di trovarsi a sottostare a giochi più allargati che possono non vedere lui al centro del dibattito. Insomma, avrebbe bisogno di stare a riposo almeno un mese, per  riprendere con lucidità il filo di una leadership che sembra sfilacciarsi. Ma neanche questo gli può essere concesso. Rocco Rosa

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento