IL PICERNO SFIDA IL TERAMO SENZA TIMORI

0

rocco sabatella

Ancora una grande sulla strada del Picerno. Arrivano al Viviani gli abruzzesi del Teramo che, dopo un inizio stentato, sembrano aver ingranato la marcia per risalire verso le posizioni altissime della classifica. Com’era nei programmi e nelle aspettative della dirigenza teramana. La squadra di Tedino è reduce da quattro vittorie consecutive e l’ultima sconfitta risale ad un mese fa quando il Teramo perse al Viviani, dove ritorna oggi, contro il Potenza. In una gara giocata prevalentemente, per non dire esclusivamente, nella propria area di rigore per portare a casa il pareggio. Missione fallita, come ben ricordiamo, per la rete al minuto 93 di Longo. Una punizione meritata per gli abruzzesi e per la loro rinunciataria condotta di gara. La lezione di Potenza è servita al tecnico Tedino che ha capito che con il potenziale di cui dispone, non era stato producente e una buona idea speculare sul risultato non sfruttando l’enorme potenziale tecnico della sua squadra. E non a caso, quando sono stati utilizzati costantemente i giocatori più tecnici, il Teramo si è messo a correre. E vuole continuare a farlo anche oggi contro il Picerno. Ma certamente non sarà facile perché la squadra di Giacomarro ha bisogno di punti e poi contro le grandi del girone si è comportata quasi sempre bene. Pur uscendo sempre a mani vuote, ma con i complimenti per le buone prestazioni. E’ successo anche domenica a Terni dove il Picerno avrebbe meritato di tornare a casa con un pareggio dopo una coraggiosa e ben interpretata partita. Ma un altro grave errore difensivo sull’evitabile secondo gol di Ferrante ha pregiudicato, in maniera irreversibile, la possibilità del pareggio. Episodio che conferma quello che stiamo sostenendo da tempo: per non correre rischi inutili, è necessario che la società melandrina intervenga nel mercato di gennaio per assicurare qualità ed esperienza alla squadra. E dalle notizie che filtrano dalla società gli operatori di mercato del Picerno sono già al lavoro per esaudire le richieste di Giacomarro. Che comunque continua a lavorare duramente negli allenamenti allo scopo di eliminare certi difetti congeniti. Com’è successo a Terni. “ Diciamo che tutti gli elementi hanno fatto progressi importanti grazie al lavoro che svolgiamo durante la settimana. A livello tattico siamo messi molto bene in campo perché nessuno avversario ci ha messo davvero sotto. E anche con assenze importanti per infortuni e squalifiche, il nostro dovere lo abbiamo sempre fatto. Infatti contro la Ternana, nel nostro momento migliore perché eravamo in totale controllo della situazione, abbiamo fatto la frittata sul secondo gol degli umbri che ci ha impedito di portare a casa un risultato importante per morale e classifica. Probabilmente scontiamo un difetto di comunicazione tra i difensori che non parlano molto tra di loro e si fanno trovare impreparati in situazioni nelle quali avrebbero potuto far valere la loro ottima conformazione fisica. Oggi abbiamo di fronte un avversario che ha un potenziale incredibile e che viene da un mese di successi. Noi dobbiamo fare la nostra solita gara propositiva, ma in campo non devono mancare mai la concentrazione e la determinazione perché contro un simile avversario non ci possiamo permettere il minimo errore se vogliamo, come vogliamo, puntare ad un risultato positivo”. Ad eccezione degli infortunati Sparacello, La Vigna, e Vanacore, tutti a disposizione dell’allenatore siciliano che dovrebbe confermare oggi la stessa formazione che molto bene si è comportata al Liberati di Terni. Con un solo dubbio legato al ruolo di estremo difensore che potrebbe essere riaffidato, dopo sei giornate, all’esperto Pane che ha superato l’infortunio al ginocchio. E questo anche nell’ottica di avere un elemento, alle spalle dei difensori, che con la sua esperienza, è in grado di stimolare e guidare i compagni attraverso la continua comunicazione. Per la verità il giovane Cavagnaro non ha demeritato nelle sei gare in cui è stato titolare. I tre difensori saranno Caidi, Fontana e Bertolo, Melli e Guerra sulle corsie laterali, Calamai, Vrdoliak e Pitarresi in mezzo al campo e Santaniello ed Esposito tandem offensivo.  Al gran completo, con tutte le sue bocche di fuoco, si presenterà il Teramo che Tedino dovrebbe disporre con un 4-3-2-1 molto elastico che significa da un lato la volontà di andare in attacco con molti uomini, ma anche l’esigenza di  ridurre al minimo i rischi  e di avere la squadra molto compatta nella propria metà campo, in fase di non possesso. Con Cancellotti, Piacentini o Iotti, Cristini e Tantardini in difesa davanti a Tomei, Costa Ferreira, Arrigoni e Ilari in mezzo e poi Bombagi e Mungo a sostenere l’attaccante Magnaghi.  Arbitrerà la gara, il cui inizio è fissato per le ore 15, il signor Giaccaglia della sezione di Jesi. 

 
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento