INTER, UN GOL PER CAMBIARE LA STORIA

0

by ROCCO SABATELLA

IMG-20160301-WA0000

I tifosi della Juventus mercoledi scorso hanno davvero tremato e visto le streghe nei 120 minuti del ritorno di semifinale di Coppa Italia. E non solo perché i bianconeri hanno rischiato seriamente di farsi sfuggire la qualificazione alla finale di Roma con il Milan prevista per il 21 maggio prossimo. Ma dopo gli impeccabili calci di rigore tirati da Bonucci e compagni i tifosi della Juventus presenti a San Siro e quelli sparsi su tutta la penisola, hanno tirato un sospiro di sollievo liberatorio. Mettiamoci per  un attimo nei panni dei tifosi interisti che hanno accarezzato per 90 minuti la grande impresa della remuntada clamorosa dopo essere usciti dallo Stadium, all’andata, con le ossa rotte e che credevano di averla addirittura fatta, la remuntada,  nel finale dei tempi regolamentari quando Neto è stato straordinario su una conclusione ravvicinata di Perisic. Il periodo delle vacche molto magre per l’Inter si sta allungando ancora per un anno viste le difficoltà che la squadra di Mancini sta incontrando dall’inizio del 2016 e che l’hanno fatta precipitare al quinto posto della classifica con prospettive non certo rosee di poter arrivare al terzo posto che significa partecipazione ai preliminari di Champions. La bella prestazione di mercoledi con una prova di grande vigoria fisica e tecnica ha dato coraggio ai tifosi nerazzurri che già pregustavano quella che sarebbe stata un’impresa eroica e che li avrebbe messi nella condizione di prendersi una rivincita negli sfottò sui tifosi juventini che da cinque anni a questa parte si possono permettere di guardare tutto il resto della tifoseria italiana trasversale dall’alto in basso senza incontrare la benchè minima resistenza dialettica. Pensate che rischio serio hanno corso gli juventini: perché se fosse successo quello che poi non è successo, i tifosi interisti sarebbero riemersi dal silenzio in cui sono tenuti dagli scarsi risultati e avrebbero ricordato l’impresa che non è riuscita chissà ancora per quanto tempo. Perché ai loro occhi una vittoria per 4 a0 sulla Juve e il ribaltone clamoroso  sarebbe stata considerata quasi alla stregua del triplete di mourinhiana memoria. Considerati, dopo quanto successo dal 2006 in poi, i non idilliaci rapporti, per usare un eufemismo, tra le due società e tra i tifosi opposti. In pratica i tifosi dell’Inter avrebbero potuto porre un freno alle loro cocenti e durature illusioni e avrebbero per un certo periodo potuto, si fa per dire, campare di rendita dimenticando volutamente, almeno nella dialettica con gli omologhi juventini, tutte le sconfitte e sono tante che stanno maturando dal 2010 in poi. E ha sintetizzato molto bene la situazione Tuttosport con il titolo in prima pagina di giovedi : “più bello cosi’” interpretando alla grande il sentimento dei tifosi bianconeri, arrabbiati si per la prestazione della loro squadra, ma inebriati dall’aver visto la squadra del cuore infliggere un’altra delusione cocente ai loro acerrimi rivali interisti.

Condividi

Sull' Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella...

Lascia un Commento