LA MACCHINA SCASSATA DELLA REGIONE E IL MECCANICO CHE NON CI HA CAPITO MOLTO

0

La mia competenza specifica è che sono stato in Regione dal primo giorno e che ho girato per quasi tutti i Dipartimenti. Ho vissuto l’importanza di essere con persone di spessore, ne ho succhiato l’esperienza, ne ho preso in prestito i valori. Quello che ho preso ho cercato di dare a quelli che stavano con me ed insieme a me, dal primo all’ultimo, portando entusiasmo, coinvolgendo le persone, entrando in tutte le stanze. La Regione,pur non avendo una amministrazione propria , ha mutuato dal personale statale che vi si era trasferito le regole di buona amministrazione, le competenze e le professionalità, valga per tutti la pattuglia dei dirigenti e dei funzionari dell’agricoltura, che è stata di guida e di esempio a tutto il Dipartimento. La stessa cosa al Genio Civile,   e alla Sanità, dove vigevano regole di accesso valide in tutto il territorio nazionale. A cinquant’anni da allora,siamo ad un passo dal mezzo secolo, l’Amministrazione regionale si è andata perdendo giorno dopo giorno, inseguendo logiche di profitto politico anche sulle persone, sul ruolo dei funzionari, sull’accesso all’amministrazione. Da venti anni non si fa un concorso, ma da quella stessa data non c’è un movimento di personale con concorsi interni . Si prendono persone da fuori in nome di emergenze sempre ricorrenti, ma lo scotto che si paga è questo personale giovane e preparato che non impegna la propria responsabilità o professionalità, giacchè lavora per un dirigente che nemmeno li conosce. C’è un esercito di interinali che lavora nella macchina amministrativa , insieme a mille altre professionalità prese per vari accadimenti, Matera 2019, Arpab. Una confusione unica che produce disservizi agli utenti e depressione al personale di ruolo che ogni giorno incontra per i corridoi gente nuova e ogni giorno di più si sente senza mestiere. E’ una macchina che per il numero di professionalità esistenti potrebbe correre, ma che per farlo avrebbe bisogno  di collaudare i piloti con un concorso serio per tutte le professionalità, interne ed estere, stabili e provvisorie. Si insiste invece a fare di quel dieci per cento di dirigenti esterni, che si gonfia sempre a fisarmonica, la chiave di volta  per la risoluzione del problema. E che è invece una complicazione ed un aggravamento dello stesso, visto che entrano corpi estranei che hanno poco intenzione di amalgamarsi e assicurano solo l’ossequio alle direttive che vengono dall’alto. Abbiamo accolto la novità politica credendo nei messaggi di serietà e di severità che un Generale della Guardia di Finanza ha portato con sé. E sempre con spirito aperto abbiamo valutato come errori di inesperienza certe scivolate su alcuni dirigenti. Oggi però, dopo una bozza di riorganizzazione che non riorganizza nulla, che  non disegna ambiti omogenei di competenza e dopo il silenzio su come, in quale maniera utilizzare il personale comunque esistente , c’è da mettere in dubbio che questo Governo sia il meccanico adatto per rimettere in moto una macchina abbastanza scassata. Se vogliamo dire che l’hanno scassata altri, diciamolo pure. Ma la gente si chiede se i nuovi arrivati la sanno aggiustare. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento