La Festa d’ Lu Prutettor’

0

10302230_440301156121937_6224382170046503917_n

Di ROCCO PESARINI

 

Maggio è da sempre il mio mese preferito.

Lo amavo da studente perché significa l’avvicinarsi della fine della scuola.

Lo amo perché è il mese in cui la Primavera veramente “pe’ li campi esulta” inondandoci di sole, colori e profumi (solidarietà a chi soffre di allergie)

14516420_731338477018202_8673127037150421170_n

E lo amo, da Potentino, perché è il mese in cui la mia, la nostra città, indossa u’ uar’niedd, il vestito buono, quello della festa, per stringersi attorno alla festività del proprio amato Gerardo La Porta Vescovo, dai potentini chiamato amorevolmente San Gerard’… lu’ Prutettor’!

Già. La Festa de lu Prutettor’…

Come riuscire a spiegarla senza correre il rischio di scadere nella retorica, di dire cose banali,  già sapute e risapute… credo sia quasi impossibile.

Ma davvero il connubio tra aria di festa, primavera, devozione, senso di appartenenza rende inebriante l’aria che si respira in città.

Iniziano a susseguirsi i tanti eventi rientranti nel Maggio Potentino e magari finisci con il rammaricarti per non avere il dono dell’ubiquità per poterti godere, se non tutti, almeno una buona parte di essi.

E volendo riassumere in una parola i tanti sentimenti che mi affollano cuore, mente ed occhi in questi giorni, non ho dubbi: scelgo ORGOGLIO (POTENTINO)!

Orgoglio (Potentino) nel vedere associazioni, artisti, fedeli, amministrazione comunale collaborare tutti insieme per la Festa.

Orgoglio (Potentino)  nel vedere il nostro splendido centro storico vivace, vitale, colorato, profumato e pieno del sole di maggio!

Orgoglio (Potentino)  nel portare, insieme ai miei fratelli di San Gerardo La Porta, la Statua in Processione il 30 e sentire l’applauso fragoroso della gente quando Essa rientra in Cattedrale per la Solenne Messa.

Orgoglio (Potentino) nel veder sfilare la  Parata dei Turchi e notare i tanti spettatori, dei paesi vicini o di chissà dove, ammirarla e battere le mani ammirati dalla sua bellezza!

Orgoglio (Potentino) nel vedere i Portatori del Santo organizzare la Cantina, il Pranzo, i concerti nei giorni che precedono la Parata!

Orgoglio (Potentino) nel vedere i Portatori della Iaccara costruire questo grande cero votivo in mezzo a canti e balli della tradizione potentina!

Orgoglio (Potentino) nel vedere i Cintari realizzarlo con tanta fede e devozione, raccogliendo la preghiera di fedeli e devoti!

Orgoglio (Potentino) nel vedere tutte le altre associazioni, gli artisti, i fedeli e l’amministrazione comunale collaborare tutti quanti insieme per la Festa.

E provo orgoglio (Potentino)  nel ricordare con dolcezza Adelaide, Agostino e Donato che non sono più TRA noi ma saranno per sempre CON noi!

Sta arrivando…. Sta arrivando…

In bocca al lupo a tutto noi!

Buon San Gerardo a tutti noi!

W San Gerardo e W Potenza!

Condividi

Sull' Autore

Rocco Pesarini

Rispondi