LA LUNGA STORIA DEL TERMINAL FAL E DELLA METRO FANTASMA

0

PIETRO SIMONETTI
Sono trascorsi 47 anni dai primi finanziamenti per la realizzazione dell’anello della metropolitana di Potenza.
Lo Stato erogò la prima trance di 25 miliardi alla fine degli anni 80.

I lavori furono affidati alla Cogefar.L’impresa non riuscì a chiudere l’anello per la presenza nel percorso finale di abitazioni e opere pubbliche . Motivo? : La progettazione fu realizzata con le carte planimetriche  del 1936. Il tragitto fu rivisto nel 1994 con la prosecuzione da Gallitello a Via di Giura.Neanche questa tratta fu realizzata. Quello che rimane della metropolitana leggera consiste nel Terminal di Gallitello,finanziato nel 2015, costato oltre 7 milioni,  terminato da tempo,le due stazioni successive di Potenza Centrale,le due di Rione lucania mai completate e utilizzate,la fermata di S Rocco,Potenza Citta,la stazione di Rione Mancusi riverniciata ma chiusa da tempo per motivi di sicurezza e senza le scale mobili per il collegamento a quelle di via Ermellini,infine la stazione di Potenza Superiore.

La metropolitana leggera e’scarsamente utilizzata anche per la mancanza di intermodalità con i servizi su gomma, la mancata apertura da anni del parcheggio d Gallitello e l’apertura di tutte le stazioni della tratta oltre alla mancata realizzazione delle scale mobili dalla stazione di Potenza Città a Corso XII, all’altezza del Grande albergo,finanziata a suo tempo con legge Tognoli. Ecco la storia:aprire un terminal con tanto ritardo non risolve i problemi di gestione della struttura e dei treni E’positivo che che all’interno del terminal siano stati collocati una Vaporiera ed un vettore storico restaurati:per la gioia dei piccoli e dei visitatori anche se da tempo il treno storico delle Fal e’utilizzato solo in Puglia.
Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi