L’amichevole con la Signora del calcio italiano

0
AMARCORD AMICHEVOLE DI LUSSO 1994 :

 POTENZA – JUVENTUS   0-2

 

Potenza
12 maggio 1994,ore 20:30
Partita Amichevole
Potenza S.C. 0 – 2 Juventus F.C. Stadio Alfredo Viviani  (8000 spett.)

Arbitro: Franceschini (Bari)
Marcatori  30’ Ravanelli
53’ (rig.) Ravanelli

 

F.C. Juventus:

Rampulla, Carrera, Francesconi, Torricelli,Porrini, J. Cesar, Di Livio, Galia, Vialli, Marocchi, Ravanelli. All.: Narciso Pezzotti.

S.C. Potenza:

Sansonetti, Di Dio, Mantelli, Natale, Garzieri, Baldi, Del Giudice, Camporese, Baglieri, Caputo, Intrieri. All.: Marcello Pasquino.

Arbitro: Franceschini di Bari.

Diciamo che è di attualità parlare della Signora del calcio italiano, ovvero della Juventus di Agnelli, ancora di più ora che ha acquistato CR7, il migliore calciatore del mondo di questi tempi.

Si vocifera che il Potenza del Presidente Caiata per la prossima stagione calcistica ha in programma diverse partite amichevoli con squadre italiane di grosso calibro come appunto la Juventus di Cristiano Ronaldo.

Ebbene il Potenza nel maggio del 1994 giocò in amichevole con la Juventus del pallone d’oro Roberto Baggio a poche giornate dalla fine del campionato di C1 stagione 1993-94, allorquando la squadra rossoblu sfiorò i play-off per il salto in serie B.

A distanza di ben 24 anni, ovvero dal 12.05.1994, il ricordo dell’amichevole di lusso del Potenza Sport Club contro la forte Juventus dell’epoca è ancora vivo.

I capitani Del Giudice e Vialli ad inizio di gara

La gara fu organizzata dalla Sport Group e venne disputata in serata, in notturna  per la prima volta al Viviani, infatti venne inaugurato l’impianto di illuminazione del mitico stadio potentino.

Il massimo campionato di serie A era terminato il 1° maggio in vista dei Mondiali di Usa ‘94 e la Juventus affrontò una serie di partite amichevoli in tutta Italia con l’obiettivo di visionare promettenti elementi di squadre minori e dare vetrina ai suoi giovani, al fine di  proporli in prestito in categorie come la serie C1.

La gara venne teletrasmessa in diretta Tv da Telemontecarlo e si concluse con la vittoria dei bianconeri per due reti a zero con la doppietta di Fabrizio Ravanelli, il quale intavolò un bel duello calcistico con il tosto e grintoso difensore rossoblu Di Dio.

Una formazione del POTENZA – Stagione 1993-94-

Gran galà al Viviani di Potenza fra il Potenza Sport Club, che occupava il settimo posto nella classifica di Serie C1, girone centro-meridionale, con una società la cui gestione dava forti scompensi e che portò alla non ammissione al campionato di C1 1994-95, e la Juventus di Trapattoni che si classificò seconda il campionato con 47 punti dietro al Milan stellare di Fabio Capello(50).

Grande assente della partita il capitano della Juventus Roberto Baggio e stella del calcio italiano ed internazionale, pallone d’oro proclamato nel dicembre 1993, il quale non giocò a Potenza perché il giorno prima era diventato papà per la seconda volta ed in attesa dell’imminente ritiro con la Nazionale di Sacchi per il Mondiale di Usa ’94, dove peraltro risultò un assoluto protagonista nonostante il rigore fallito contro in Brasile in finale che sancì la vittoria della squadra carioca.

Roberto Baggio ,pallone d’oro 1993-94

In tale anno l’allenatore bianconero era Giovanni Trapattoni, l’allenatore in seconda Sergio Brio; ma a Potenza, dove pratica era già iniziata l’era Lippi, nuovo allenatore bianconero, sedette in panchina Narcisio Pezzotti, il vice di Marcello Lippi dalla stagione 1994/95, stagione in cui  la Juventus vinse scudetto e Coppa Italia, oltre che disputare la finale di Coppa Uefa vinta dal Parma.

Juventus 1993-94

L’incontro del Viviani fu preceduto da una fitta pioggerellina primaverile che continuò persistentemente nel corso della partita; diciamo che la pioggia è stata sempre una costante per le amichevoli di lusso del Potenza, come peraltro successe in occasione dell’amichevole del ’71 contro il Milan.

Il Potenza targato Marcello Pasquino disputò una buona partita, tant’è che alla fine del primo tempo la Juventus risultava in vantaggio di un solo gol , grazie ad una rete al 30’ del forte attaccante bianconero Ravanelli, il quale saltò tre avversari come birilli e superò il portiere rossoblu Sansonetti, ex Napoli l’anno prima, con un pallonetto.

Da dire che Ravanelli, unitamente a Vialli, per l’occasione capitano juventino, dimostrò di essere in gran forma (gran tiro al 20’ e traversa angolare) e meritevole di un posto nella Nazionale di Sacchi, anche se il C.T. azzurro preferì altre soluzioni per la fascia sinistra come Massaro del Milan, oltre a Beppe Signori della Lazio, altra stella emergente del calcio italiano ed Evani del Milan, come riserve di lusso esterni di sinistra.

Tandem di attacco bianconero Ravanelli-Vialli

C’è da dire, comunque, che tutta la squadra potentina gioco’ benissimo, in particolare i rossoblu evidenziarono un gioco a zona piacevolmente arioso con il 4-5-1, soprattutto a centrocampo con i vari Del Giudice, Camporese, Intrieri, Baldi ed il trequartista Piero Caputo, ex Matera, pupillo di Pasquino.

In particolare evidenza, come sottolineato dai cronisti di Tele Montecarlo (Bulgarelli ex azzurro e regista del Bologna anni sessanta), il tornante offensivo laterale destro Michele Baldi, in prestito al Potenza dal Perugia, il quale produsse un gioco di raccordo con la mediana sia in fase di interdizione che di impostazione, portando più volte fuori posizione il forte difensore bianconero Carrera e superando in velocità in alcune fasi il possente centrale brasiliano Julio Cesar.

Attrazione Juventus con i vari Carrera, Torricelli, Porrini, J. Cesar, Di Livio, Galia, Vialli, Marocchi, Ravanelli; assenti i tedeschi Kohler e Moeller, oltre a  Roberto Baggio, Dino Baggio ed Antonio Conte, tutti convocati per il mondiale, Peruzzi per infortunio.

Nella ripresa le due formazioni schierarono diversi rincalzi.

Il Potenza, infatti, diede vetrina ad alcuni elementi di riserva come l’attaccante Delle Donne, l’anno prima capocannoniere in C2 con la Vigor Lamezia, il centrocampista Ferazzoli, il portiere di riserva il potentino Sasà Santarsiero, gli esterni Chiappetta e Perrotta, oltre a  diversi elementi della Beretti come Boccia, Iannolo, Martino, Torino, Volturo.

La Juventus, che attuò moduli diversi di gioco nel corso della partita ed in virtù di un maggiore ed evidente tasso tecnico con i centrocampisti Galia, Torricelli, Di Livio e Marocchi, pervenne al raddoppio al 53’ grazie ad un rigore trasformato da Ravanelli, il quale subì fallo in area da parte del difensore rossoblu Volturo a seguito di un’azione di rimessa partita dalla mediana bianconera.

Nella ripresa dal 55’ spazio ad alcuni giovani della Juventus, come il portiere Marchioro, il difensore Notari e l’attaccante Giannascoli.

Ad onor di cronaca riportiamo che la formazione Primavera della Juventus, allenata da Antonello Cuccureddu, vinse nel 1994 il Campionato Nazionale Primavera ed il Torneo Internazionale di Viareggio, potendo contare su un gruppo di elementi che annoverava molti futuri protagonisti dei maggiori campionati italiani, quali i portieri Squizzi e Fontana, i difensori Baldini, Dal Canto, Manfredini e Loria, i centrocampisti Binotto, Del Nevo e Milanetto, l’attaccante Cammarata ed il capitano Alessandro Del Piero, promettente fantasista già impegnato nella spola tra giovanili e prima squadra, destinato a divenire la «bandiera» bianconera dei successivi vent’anni, nonché uno dei maggiori calciatori della sua epoca, e campione del mondo ai mondiali di Germania 2006.

A fine gara strette di mano e abbracci per tutti, con l’augurio di prestigiosi traguardi e foto ricordo dei giocatori della Juventus con giocatori del Potenza e tifosi potentini.

Foto ricordo di Piero Caputo con Gianluca Vialli

Per concludere diciamo che il Potenza nella stagione 1993-94 disputò un secondo ed onorevole campionato di C1, ma  pregiudicò il suo cammino verso i play-off per la serie B a partire dalla gara del 20.03.1994 persa di misura a Roma contro la Lodigiani, quindi rifilò una serie di sei partite con soli tre punti  conquistati e, dopo l’amichevole contro la Juventus del 12.05.1994, vinse consecutivamente tre partite contro Leonzio, Giarre e Reggina, non andando oltre il  settimo posto in classifica.

Con il senno di poi si possono dire tante cose: fondamentale, comunque, per i mancati play-off, fu il penalty non realizzato da Ferazzoli al Viviani nella gara del 01.05.1994 sul punteggio di 1-1 contro la rivale di sempre Juve Stabia.

Vincendo la partita contro le vespe stabiesi la sorte della formazione rossoblu sarebbe stata diversa, chissà………..

Riportiamo il cammino delle ultima gare del Potenza nella stagione 1993-94.

20 marzo 1994
25ª giornata
Lodigiani  1 – 0  Potenza  
27 marzo 1994
26ª giornata
Potenza  1 – 1  Casarano  
10 aprile 1994
27ª giornata
Perugia  3 – 0  Potenza  
17 aprile 1994
28ª giornata
Potenza  1 – 1  Chieti  
24 aprile 1994
29ª giornata
Matera  2 – 1  Potenza  
1º maggio 1994
30ª giornata
Potenza  1 – 1  Juventus Stabia  
8 maggio 1994
31ª giornata
Salernitana  2 – 0  Potenza  
15 maggio 1994
32ª giornata
Potenza  3 – 1  Leonzio  
22 maggio 1994
33ª giornata
Giarre  1 – 2  Potenza  
29 maggio 1994
34ª giornata
Potenza  2 – 0  Reggina

 

Sappiamo tutti poi come è andata a finire, con la non iscrizione per problemi finanziari al campionato di C1 per la stagione calcistica 1994-95 e retrocessione dalla C1 al campionato Nazionali Dilettanti, l’inferno della serie D per altri dieci lunghi anni.

Acqua passata, pensiamo al presente con il prossimo campionato di Lega Pro e chissà giocare un’altra amichevole con la Juventus di Cristiano Ronaldo…….

Saluti a tutti. Vittorio Basentini.

FORZA POTENZA. 

Share.

Sull'Autore

Vittorio Basentini

Lascia un Commento