LEADER AFFIDABILE CERCASI

0

C’è chi prova a mettere insieme i cocci di un centrosinistra rotto da tutte le parti ed è riuscito almeno a riunire i responsabili delle varie sigle in una stanza del Motel Park e a strappare loro la promessa che si rivedranno per discutere prioritariamente degli  argomenti per una piattaforma politica delle prossime regionali.   Il minimo insomma per stare assieme e per incominciarsi a parlare. Ma nessuno si fa molte illusioni circa la possibilità di trasformare questo esercito di sconfitti, sia pure rinnovato nei comandi, e rimotivato dall’evidente insuccesso  degli avversari, in una formazione d’assalto determinata a rioccupare le posizioni di un tempo.  Pesa in questo tentativo di riconquista delle postazioni di governo, il ruolo futuro di molti generali, nessuno di quali appare disposto a passare la mano e anzi ognuno determinato a giocare in proprio quella che potrebbe essere l’ultima partita per rientrare nell’agone politico.. Manca il Colombo dei tempi della Dc, colui che alla fine poteva rassicurare tutti e dire l’ultima parola, convincere qualcuno a fare un passo indietro, ben sapendo che poi ci sarebbe stata altra occasione per ricompensarlo dei sacrifici. Speranza, tornato al Pd, ci prova a trovare una quadra, ma deve fare i conti con la nuova situazione che si sta verificando nel Pd, dove è ormai forte la volontà della Schlein di rompere con la vecchia nomenklatura in tutte le regioni e di incominciare daccapo, incurante dei cadaveri che lascia per strada e ben sapendo che le Europee, giocate su temi prettamente politici, possono rappresentare quel salto generazionale che è la premessa del rinnovamento e rilancio del partito. E questo fatto di fare piazza pulita della nomenclatura sta prendendo piede anche in basilicata con un radicalismo di sinistra che già incomincia a mettere le mani avanti su eventuali alleanze ” indistinte e contraddittorie” che segnerebbero un ritorno al passato. Come dire: meglio perdere che riportare in auge certi personaggi. E’ stato fatto già nel passato, lo si può rifare adesso il giochetto. Questo ragionamento di rompere con il passato è peraltro sponsorizzato dall’alto ed è il vero filo rosso che lega la Schlein a Conte: entrambi guardano oltre le regionali,  puntanto all’orizzonte europeo, ed entrambi alzano il tiro contro la destra sulle grandi questioni : dal precariato, alla giustizia, alle Autonomie differenziate, all’attacco ai diritti dei lavoratori.  Da qui la difficoltà a livello locale  a tessere una tela abbastanza robusta da tenere, per necessità, tutti assieme, ben sapendo che c’è già chi gioca a sfilacciarla nei punti di maggiore debolezza. La tela dovrebbe confezionarsi sui problemi della Basilicata, sulla specificità di una regione che sta perdendo quota paurosamente, sulla responsabilità dei gruppi dirigenti alternativi a non giocare al tanto peggio tanto meglio, sulla esigenza di ripristinare un governo di persone capaci e portatori di una visione di sviluppo territoriale: in una parola di un governo di emergenza regionale che metta fuori gioco i dilettanti allo sbaraglio che oggi ci governano e ridia le coordinate di un percorso di crescita  socioecomica della Basilicata, La capacità di dare forza e tono a questo messaggio, di chiamare in gioco l’identità regionale e di riconquistare la fiducia dei lucani intorno ad un grande obietivo di cambiamento,  è anche il test per verificare se la Basilicata può contare su un leader vero oppure deve accontentarsi dei soliti professionisti della politica. Rocco Rosa 

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi