L’informazione dei tg e la guerra

0

Con mosse veloci e sapienti, in un attimo sbarazzò il tavolino dai resti di un precedente esercizio di mascelle avide di liquido nero e di strutto ben camuffato in forme sinuose di croccante impasto a spirale; dunque, fece accomodare i due amici e mise al lavoro i neuroni per la comanda.

Dall’espresso salivano segnali di fumo che si perdevano nei meandri delle fosse nasali ma, nel mentre labbra e lingua sapientemente distribuivano il piacere in ogni angolo della bocca, l’altro troncò maldestramente l’amplesso.

-Ma non sei preoccupato per le notizie che arrivano da questo nuovo fronte di guerra in Medio Oriente?

-Ma  ti sembra opportuno interrompere questo momento di pace e di relax con questa domanda? Cosa vuoi che me ne freghi… sono lontani da noi… il tempo che li fanno tutti fuori e le cose tornano come prima. Noi godiamoci questo buon espresso, lavoriamo tutti i giorni….

-Certo, hai ragione, ti chiedo scusa, non avevo intenzione di crearti un disagio ma sai… le guerre, il petrolio aumenta, il gas, la luce..

-Ma no! Ci pensa il Governo! Hai sentito il tg? La situazione è sotto controllo, niente nuove tasse, il superbonus è stato eliminato, il reddito di cittadinanza pure, chi vuole lavorare il lavoro lo trova, la benzina costa ma le macchine camminano lo stesso e poi… con la riforma dell’Irpef, quella da quattro a tre scaglioni, i cittadini avranno 20 euro in più al mese. Dai, non scherzare, va tutto bene! Ascolta quello che dicono in televisione.

-Eppure ho letto che il 60% delle famiglie non arriva a fine mese, ci sarà pure un fondo di verità?

-La verità è che ti fai condizionare dalla propaganda sovversiva, la stessa che parla di migliaia di bambini morti nella striscia di Gaza. E’ la propaganda dei palestinesi, quelli si nascondono nei sotterranei, mica sono fessi. Senti a me, ascolta i tg, raccontano la verità, non hanno alcun interesse. E poi, chi ha iniziato questa guerra? Si sa, è stato Hamas e giustamente gli israeliani hanno reagito. Hanno fatto bene a bombardare tutto, i terroristi devono andare via.

-Quelli di Hamas sono dei terroristi, non c’è dubbio. Gli israeliani hanno dovuto reagire. Ma continuano a morire migliaia di  persone innocenti!

-Certo, qualche sacrificio è necessario. Hai ascoltato nei tg le interviste al Presidente di Israele, all’ambasciatore e ai rappresentanti delle comunità ebraiche in Italia? Hanno diritto a vivere nelle loro terre, a conquistare altre e soprattutto a difendersi. Fai tesoro delle informazioni libere ed incondizionate alle quali abbiamo la fortuna di accedere.

-Forse hai ragione. Tu pensa che ho sentito dire che, secondo l’Unicef, muoiono centinaia di bambini al giorno nella striscia di Gaza. Mi sembra davvero esagerato. Infatti, al tg non mi sembra che abbiano dato tanto peso a questa notizia.

-Bravo, ti sembra una cosa possibile?Lo vedi che stai aprendo gli occhi? Basta ascoltare quelli come me che si informano da fonti autorevoli e libere da ogni condizionamento politico.

-E le manifestazioni dei pacifisti? Ma cosa vogliono?

-Sono sempre i soliti. Tutti vogliamo la pace! Del resto, hai sentito al tg che si sono riuniti 27 capi di Governo della Comunità Europea e il cronista ha affermato che hanno raggiunto uno storico accordo che prevede di interrompere ogni tanto i bombardamenti per consentire di far pervenire gli aiuti umanitari ai civili di Gaza? Ti pare poco? Lo vedi, siamo in buone mani o no?

-Non mi sembra un gran risultato. Possibile che fra Stati Uniti, Russia, Cina, Europa, nessuno è in grado di far cessare le ostilità? Del resto, gli israeliani hanno consumato la loro vendetta.

-Ancora? Ma è possibile che non capisci che è importante assicurare un ordine mondiale? Certo, comporta qualche sacrificio ma necessario. Inoltre, è ovvio che la presenza dei più forti non può prescindere dall’esistenza dei più deboli.  Ma come sai, noi viviamo in un sistema che ci garantisce ogni forma di libertà, compresa quella dell’informazione, diritti, benessere e progresso. Viviamo in un sistema perfetto. Non ti fidare dei disfattisti e simili; la povertà, la discriminazione sono per quelli che se le meritano e che non hanno voglia di lavorare o che vanno troppo dietro le false notizie . Ascolta sempre chi ne sa più di te e non farti troppe domande. Ne va del nostro benessere.

-Su questo non c’è dubbio – annuì l’altro.

Si alzarono facendo leva sui braccioli, i loro soprabiti per qualche attimo svolazzarono liberando minuscole farfalle di glucosio e grassi che si posarono sulle fughe da sempre calpestate. Si salutarono e ognuno si diresse verso la propria solitudine. I colori del tramonto cominciavano a conquistare il territorio.

 

Espedito Moliterni

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Espedito Moliterni. Lauraeto in Medicina, specialista in Igiene e Medicina Preventiva, attualmente in pensione, ha ricoperto la carica di Direttore del Dipartimento di Prevenzione della ASM di Matera

Rispondi