LO STRANO SILENZIO SULL’AREA INDUSTRIALE DI POTENZA

0

Dopo la firma del protocollo tra Asi e Comune di Potenza per il passaggio di una vasta parte di territorio dalla gestione consortile alla pianificazione comunale, passaggio che è stato definito storico per la portata programmatoria che esso riveste per la città capoluogo, è calato un silenzio di tomba sulla questione e questo silenzio sta destando non poche perplessità. Il Consiglio comunale non è stato investito neanche per un dibattito preliminare su quale destinazione, quale normativa, quali scelte fare in ordine alla ricucitura del tessuto urbano e alla  destinazione produttiva delle aree annesse, né dalla giunta filtrano indicazioni circa il da farsi. Il fatto poi che il passaggio effettivo sia fissato al primo gennaio del prossimo anno, se serve a fissare paletti gestionali circa la competenza, lascia quattro mesi di vuoto che preoccupano per le possibili incursioni che nel frattempo possono farsi. Ci sono infatti dei progetti in corso che hanno destato parecchie perplessità e di cui non si conosce l’esito e tra questi la trasformazione dell’area ex Rabotti , sulla quale più volte si è affacciato il pericolo di una iniziativa commerciale-direzionale estremamente invasiva e dal carico volumetrico impressionante. In sospeso ci sono questioni importanti che dovrebbero interessare il Consiglio comunale: la individuazione di aree per l’artigianato, che per ovvie esigenze di risparmio non possono trovare accoglienza in zona industriale già urbanizzata, la creazione più volte proposta di  un  spazio urbano per le start up, la logistica per l’attrazione di imprese ad alta tecnologia. Il tutto in una logica di riordino urbanistico, di riconnessione con le reti urbane viarie e dei servizi, con sistemazione degli spazi verdi in connessione con l’area fluviale. C’è un mucchio di roba per discutere, ma la consegna è per ora di non parlarne. Perchè?

STRALCI DLL’INTESA COMUNE-ASI

Il Consorzio si impegna a definire, d’intesa con il Comune, il nuovo Piano Regolatore del nucleo industriale di Potenza, ed a promuovere l’indizione della Conferenza di Pianificazione. Il Comune avvierà un piano strategico di rigenerazione urbana, in sinergia con il Consorzio, inoltre si inizierà l’attività progettuale propedeutica alla redazione di una proposta di Variante al vigente Regolamento Urbanistico. Si procede, inoltre, alla ridefinizione degli ambiti territoriali di rispettiva potestà pianificatoria, definiti dal Regolamento Urbanistico e si stabilisce che l’attuale Area di Sviluppo Industriale di Potenza, venga suddivisa in due identificate con le lettere A e B. Le aree A rappresentano gli ambiti che permarranno all’interno del Nucleo Industriale di Potenza di competenza del Consorzio, mentre le aree B saranno oggetto di trasferimento al Comune di Potenza.

Area A Superficie territoriale
mq
TOTALE 404.254,68 40,425
Area B Superficie territoriale
mq ha
TOTALE 2.170.102,52 217,01

Resta nella competenza del Consorzio ASI l’area su cui insiste il nuovo depuratore a servizio della città di Potenza, in località Tiera di Vaglio, mentre le Amministrazioni firmatarie convengono di attuare il trasferimento al Comune di Potenza di ogni competenza relativa alla rete viaria principale e di servizio presente nell’area industriale di Potenza, ivi comprese le adiacenti aree destinate a verde e/o a parcheggio e l’impianto di pubblica illuminazione. Le amministrazioni stabiliscono l’immediato trasferimento nella competenza del Comune di Potenza dell’opera ingegneristica di Musmeci, costituente la principale porta di accesso alla Città di Potenza. Inoltre si definisce l’immediato trasferimento al Comune della competenza in ordine alla disciplina di utilizzo di quelle aree di proprietà consortile, oggetto di recenti trasformazioni d’uso intervenute e riguardanti la realizzazione del nuovo Terminal delle autolinee extraregionali di viale del Basento e dei servizi ad esso connessi; in particolare le aree di viale del Basento occupate dal Terminal e di via della Chimica, costituenti l’anello di senso unico di circolazione. Relativamente allo svolgimento delle attività mercatali, il Comune di Potenza si impegna a garantire un servizio di vigilanza adeguato alla portata degli eventi previsti, ad effettuare le operazioni di pulizia e di ripristino dello stato dei luoghi nelle ore e nei giorni susseguenti la tenuta degli stessi, ad adeguare le previsioni di utilizzo alle norme di sicurezza vigenti, a tenere in debito conto le esigenze delle aziende insediate nell’area, garantendone l’operatività; Il Comune di Potenza avrà la facoltà di effettuare, entro dette aree, i lavori di adeguamento funzionale di lieve entità, necessari al fine di allocare, nella maniera più agevole e funzionale, i posteggi del mercato mensile e delle fiere.

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento