MATERA, IL PERICOLO DI UN TURISMO MORDI E FUGGI

0

Le prime indicazioni sul turismo del 2021 in Basilicata sono confortanti sopratutto per quanto riguarda il segmento di montagna e le città d’arte. La pandemia ci ha messo del suo nel consigliare un ritorno alla natura, con una vacanza nel segno della tranquillità, lontano ai luoghi affollati e a dimensione di famiglia. La stessa tendenza va verso un tipo di vacanza all’insegna della cultura , con le città che da sempre attraggono un tipo di turismo più consapevole e ed evoluto che va al di là del puro divertimento e punta a fortificare lo spirito e ad ampliare le conoscenze. Da Matera arrivano notizie abbastanza tranquillizzanti circa la conferma dell’afflusso per la stagione estiva, così come le località di montagna sono entrate con decisione nel mercato turistico. Se si guarda alla città portabandiera del turismo lucano, si deve constatare però che le prenotazioni alberghiere, sia pure consistenti, non vanno oltre un giorno e raramente si spingono oltre i due giorni. E questo è una indicazione precisa che denota anche come alla fine della giostra Matera viene utilizzata dal grande turismo balneare pugliese come meta di passaggio, come attrattore di un giorno, un mordi e fuggi che rende più attraente i pacchetti delle agenzie pugliesi rispetto a quelli lucani. E’ questo uno dei deficit che bisogna colmare, nel senso che bisognerebbe lavorare per una rete dell’offerta integrata lucana, nella quale la costa jonica e quella tirrenica dovrebbero potersi connettere funzionalmente con le proposte esistenti sul territorio lucano. SI potrebbe eccepire che il turismo jonico non è all’altezza del turismo balneare pugliese, con località  che sono splendide, una offerta che è di altissima qualità e dei posti meravigliosi lungo il gargano e il salento che veramente rendono la vacanza unica. Da qui la domanda su come lavorare per offrire una vacanza diversa e irripetibile che prenda il meglio dell’esistente e ne faccia un pacchetto unico tra città d’arte, mare e monti. Quando si dice matera come porta del turismo lucano, questa porta deve connettersi con una offerta alberghiera di rete che comprenda  il Pollino,  il Melfese e il Venosino, la fascia metapontina e Maratea allo stesso livello di servizi e agli stessi standard qualitativi. Se non vogliamo che Matera faccia la fine di Monticchio, allora organizziamoci per allargarne l’offerta fino a riempire di bellezza e di meraviglia una settimana, dieci giorni da sogno in basilicata. In questo senso non sarebbe sbagliato attrezzare un incentivo specifico per gli operatori capaci di organizzare un pacchetto di offerta integrata fra città d’arte, castelli,attrattori, e mare. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi