OGGI IL PREMIO INDUSTRIA FELIX A TRE AZIENDE MATERANE

0

 A Napoli tre aziende aderenti a Confapi Matera saranno insignite, oggi, del premio Industria Felix, riconosciuto alle imprese più performanti a livello gestionale, affidabili finanziariamente e sostenibili del Sud Italia.
141 imprese in totale, di cui 15 della Basilicata e tra queste 6 di Matera, tra cui spiccano appunto le 3 aderenti a Confapi: Coparm Srl di Ferrandina guidata da Carmine Aliuzzi, Cooperativa EDP La Traccia presieduta da Vito Gravela e Edilmetas Srl di Matera amministrata da Francesco Paolo Sacco. Per Coparm e La Traccia si tratta del secondo premio ricevuto in altrettanti anni, Edilmetas invece è la prima volta che consegue l’importante riconoscimento.
Dalla maxinchiesta realizzata dal trimestrale di economia e finanza in supplemento con il Sole 24 Ore e Cerved, Industria Felix Magazine, sui bilanci delle imprese, emerge che in Basilicata l’89,7% delle aziende fa utili.
“Registriamo ancora casi di eccellenza fra le Pmi lucane – commenta il Presidente di Confapi Matera, Massimo De Salvo – che continuano a mietere successi sia in Italia che all’estero. Questa è l’ennesima dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che le nostre istituzioni devono puntare maggiormente sulla piccola e media impresa locale, l’unica davvero motivata e determinata a investire per restare sul territorio dando occupazione stabili e non precaria”. “Le nostre imprese – prosegue il Presidente De Salvo – si distinguono ormai in tutti i mercati, sopravvivono alle crisi garantendo occupazione e crescita economica del territorio.”

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi